Argomento Tabù: I Bambini Anarchici

Lo so.
Lo so.
A nessuno piace sviscerare i problemi di mancata educazione dei nostri figli. Gli uomini e le donne di domani. Coloro che traghetteranno il Paese alla definitiva rovina.
Però io “non temo nulla”.
In realtà temo.
Ma ieri sera ero in pizzeria ed oggi non posso esimermi dal recriminare.
Che sia il caso di instaurare i luoghi pubblici “Child-Free”?
Beh, analizziamo un po’ il problema….

Sei adulto. Lavori tutta la settimana, magari nemmeno vicino a casa, hai i tuoi problemi che ti schiacciano, il mutuo, la pioggia, il caldo, il freddo, il sonno, il libro che stai leggendo è una merda… e via dicendo. E’ domenica sera, quindi sei già incazzato perchè domani è lunedì e ti tocca lavorare. Allora decidi così, d’impulso, di andare a mangiarti una pizza fuori invece che ordinarla alla pizzeria di fianco a casa. Beh, positivo. Sei ancora vivo e vuoi goderti una seratina tranquilla in compagnia della tua dolce metà.

Illuso.
Non puoi. Non puoi perchè siamo nell’era Bambinocentrica. Analizziamo un po’ cosa significa.

L’incapacità di stare seduti a tavola

seduti

Facciamo un test.
Cosa vi fa capire che questa foto è una pubblicità e non uno scampolo di vita reale (facce da pirla a parte)?
……
Ve lo dico io.
I bambini sono seduti composti a tavola.

Oggi, quella che alla mia epoca – anni 80 – era la quotidianità, è una rarità.
Basta andare in una qualsiasi pizzeria – ristorante – agriturismo, per rendersi conto che oggi, i luoghi che erano in origine stati concepiti per gli adulti, sono diventati terreno di caccia per bambini anarchici e profondamente maleducati.
Ieri sera su 50 bambini presenti, in un’età compresa tra 3 e 8 anni, ce ne saranno stati 3 seduti composti a tavola, gli altri scorazzavano liberi tra i tavoli, giocando con tutti i giochini del cazzo che oggi i genitori si portano dietro (io giocavo con i grissini e stando ben attenta a non far cadere le briciole per terra), rincorrendosi, sbraitando, ridendo.
Sì, ti irridono pure, consci che non puoi rimproverarli perchè non sono figli tuoi. Peccato.

Io posso anche capire che i genitori vogliano anche loro godersi la seratina tranquilla con gli amici senza dover educare i figli al giusto comportamento a tavola e al rispetto degli altri, e infatti le baby sitter servono a questo. A permettermi di passare un’ora tranquilla le due volte all’anno che invece del delivery, preferisco mollare la pigrizia a casa e mangiare la pizza direttamente al ristorante.

Che poi i coglionazzi che erano al tavolo dietro di me ieri sera, erano di quelli della peggior specie.
I figli anarchci erano bellamente spaparanzati a terra dietro la mia sedia a giocare con le macchinine, e una delle madri (quella particolarmente intelligente) continuava a esortare le piccole bestie ad andare “là, nell’angolo che c’è spazio”.
No cretina, non c’è spazio. Non è mica casa tua che mandi i figli nella loro camera. E’ un ristorante, non un giardino pubblico. Ma dove cazzo vivete? Ma chi vi credete di essere? Insegnate alle bestioline a stare sedute a tavola con voi, oppure, se non siete capaci, mangiatevi la pizza a casa e permettete a chi sa educare i figli e a chi vuole un’ora di svago, di godersi la serata senza essere costretto a evitare di menare i vostri figli o di sentire le vostre graziose voci urlare tutta la sera:

“Andrea !!!! Andrea !!!! Vieni che è arrivata la pizza.  No, non puoi restare lì a giocare. Vieni a sederti”
“Marco !!!! Marco !!!! Se vuoi giocare sdraiato per terra, vai là in fondo. Ecco, bravo. No !!! Non lì !!!”
“Pietro !!!! Dai Pietro, vieni qui… Sì, certo che la mamma ti taglia la pizza, ma tu vieni qui !!!”

E pensare che ai miei tempi (che bello scriverlo) bastava un’occhiata da parte di mio padre per risistemare l’ordine a tavola. Anche perchè, giusto per chiarire, io non mi alzavo da tavola finchè tutti non avevano finito di mangiare, e pazienza se mi annoiavo un po’. Cazzo, insegnate ai vostri figli ad annoiarsi senza rompere i coglioni al mondo. Non è mai morto nessuno per essere rimasto seduto a tavola per 45 minuti. Nessuno !!!

io

Ma qualcuno potrebbe morire se continua a correre intorno al mio tavolo appoggiando le sue manine sbausciate ai bordi della mia sedia, con il rischio di impiastricciare il mio maglioncino di Berska da €. 12.90. Bambini avvisati, mezzi salvati.

L’incapacità di non toccare le cose altrui

Ok, i bambini devono fare esperienza.
I bambini devono essere lasciati liberi di esprimersi perchè altrimenti, poverini, non sviluppano la fantasia…. e bla…bla…bla.

Bene, che sviluppino la loro fantasia toccando le loro cose.

super

Cosa vi fa capire che questa foto è una pubblicità e non uno scampolo di vita reale (facce da pirla a parte)?
……
Ve lo dico io.
La bambina è compostamente seduta nell’apposito spazio del carrello.

No.
Secondo le moderne teorie psicologiche, mettendo il bambino nel carrello, viene castrata la sua personalità. Deve essere lasciato libero di correre per i corridoi toccando tutto quello che trova, al momento, attraente.
Per poi ovviamente riporlo “a cazzo”.

Oltretutto è notorio che i bambini non hanno ancora ben chiaro il concetto di “roba mia”- “roba tua” e che quindi, se quello che trovano affascinante è nel tuo carrello, per loro non fa differenza. Toccano.
Ma che cazzo tocchi?
Perchè?
Chi te lo ha insegnato?
E soprattutto… dov’è la tua mamma? Sta facendo la zoccola con il capo reparto ortaggi? Perchè non c’è altra spiegazione al fatto che tu, bambino anarchico stia girovagando completamente solo, in balia di stupratori, assassini e rapitori seriali di bambini.

E qui si apre un altro problema di dimensioni abnormi.

L’incapacità di trattare con i cani

cani-e-bimbi

Tutti vedendo un’immagine come questa, si commuovono.
Tutti quelli che hanno un cuore, intendo.

Io invece ho un cane.
Un beagle per l’esattezza.
Che non ha alcun problema ad interfacciarsi con i bambini. Una volta compreso che non sono lepri/volpi/lucertole, semplicemente, li ignora.

Ma loro non ignorano lui.
Essendo uno di quei cani che sembrano usciti dalla pubblicità dei cuccioli bisognosi, i bambini si sentono attratti e zac, gli si fiondano addosso.
Lui sta fermo, mi guarda chiedendo consiglio, ma non trova risposta perchè io sto cercando di non farmi coinvolgere dal bambino in una di quelle imbarazzanti conversazioni nelle quali lui chiede cose assurde (per esempio come si chiama la bestiola per poi non capire un cazzo) ed io rispondo con quel tono petulante che riservo ai bambini sconosciuti che mi ispirano antipatia a pelle.
Capita anche che io trovi alcuni bambini simpaticissimi e degni di tutte le mie attenzioni ed a quel punto nasce un’intesa che va oltre l’immaginabile. Raro ma documentato.

Cmq. parlavo di bambini e cani.
Arriviamo al dunque. Non si fa. Se ti fiondi come un proiettile su un cane il rischio è che lo scambi per un attacco alla sua incolumità e ti sbrani. E te lo meriteresti anche, bambino anarchico, perchè i tuoi genitori avrebbero dovuto insegnarti un botto di cose su come interfacciarsi con gli animali, ma loro sono troppo impegnati a cazzeggiare con gli altri genitori per curarsi di te. Ergo, non conti un cazzo. Il che ti rende ai miei occhi un filo meno fastidioso, ma non resterò certo qui ferma a parlare del niente quando potrei stare da sola in un angolo a fissare il soffitto.

In quel di Cesate c’è un parchetto per bambini con area cani integrata.
Geniale vero? Uno porta il bambino al parco e il cane in giro in un colpo solo.
Ha 4 entrate ma chi ha il cane non può usarle tutte e deve passare per forza da quella vicino all’area cani, perchè non esiste che il cane attraversi, al guinzaglio, il parco con il suo padrone. Potrebbe essere pericoloso.
Certo, potrebbe essere pericoloso perchè voi genitori non badate a quello che stanno facendo i vostri figli, non gli avete insegnato nulla su come approcciare un cane, e non avete voglia di sbattervi per fare l’una o l’altra cosa.

Ma come siamo sopravvissuti noi bambini degli anni Ottanta senza le aree cani, senza i parchi recintati, senza il “sacchettino per raccogliere la cacca” e senza alcuna disciplina nella frequentazione dei parchi pubblici?

Benissimo oserei dire. Siamo stati educati a condividere gli spazi. Siamo stati educati a non disturbare gli altri, soprattutto gli adulti che erano qualcosa di sacro. Siamo stati educati al rispetto reciproco. Siamo stati educati a trattare con gli altri esseri viventi.

Siamo stati educati.

Oltretutto , per colpa dei bambini e dell’assenza di controllo dei genitori, esiste il MOIGE.

logo_piccolo_2__400x400

Parliamone.
Moige: Movimento Italiano Genitori, è un’associazione di promozione sociale impegnata nell’ambito sociale ed educativo per la salvaguardia dei minori, che ritiene «minacciati dalla pedofilia, dal bullismo o da spettacoli televisivi violenti e volgari», e per tutela dei diritti dei genitori. Ma quali cazzo di diritti? Diritto di mollare i bambini davanti alla TV senza preoccuparsi di cosa guardano? Diritto di lasciarli zappingare selvaggiamente perchè è troppo uno sbatti vegliare sulle loro menti?

Il moige è quell’associazione di genitori cattoconservatori frustrati che ha censurato un episodio di Buffy nel quale si vede “udite-udite” un bacio saffico, ma che permette la trasmissione di opere intellettualmente stimolanti per i bambini quali:

– Grande Fratello
– Isola dei Famosi
– Programmi della Clerici con bambini sfruttati a fini commerciali e destinati a diventare alcolisti suicidi intorno ai 15 anni
– Domenica In e la sua controparte Mediaset
– Carlo Conti con il suo alieno colorito arancione

Il Moige insegna cose come questa:
« La masturbazione […] si connota come un vero e proprio ripiegamento su se stessi, come una chiusura del proprio io, che invece sarebbe chiamato ad espandersi, ad aprirsi nella donazione d’amore (ne è testimonianza il senso di profondo malessere interiore che lascia, al di là del piacere fisico che produce). In definitiva la masturbazione, come stile di vita, può solo inibire la capacità di amare e quindi ostacolare il processo della crescita personale. »

Ed io vi dico che il senso di profondo malessere interiore lo provate solo voi cattoconservatori frustrati, o perchè non sapete masturbarvi con tutti i sacri crismi, oppure perchè siete così sfigati dal sentirvi in colpa dopo aver avuto un orgasmo condiviso con la persona migliore che possiate incontrare: voi stessi. 

Perle sparse:

“Il Moige ha richiesto la censura dello spot televisivo erotico in cui compare il pornoattore Rocco Siffredi (accreditato nella pubblicità come “attore”), che passeggia in mezzo a una serie di ragazze presso una piscina. La pubblicità si basa su una serie di doppi sensi, con l’attore che, vantandosi di “averle provate tutte” sgranocchia patatine da un sacchetto. Secondo il Moige, la presenza dell’attore era elemento disturbante e sconveniente nei confronti dei bambini.” Che poi parliamone; se tuo figlio di 5 anni conosce Rocco Siffredi, vederlo sgranocchiare le patatine è il male minore.

«Il rapporto sessuale fra due persone non sposate ha in sé qualcosa di ingiusto o di non veritiero, dato che esse non si appartengono ancora pienamente al punto da donare e ricevere ciò che hanno di più intimo. Cosa che invece viene legittimata proprio dal matrimonio. » Bitch Please !!!! ROTFL 

“L’omosessualità, definita “devianza sessuale”, è indicata come “malattia” che può essere “curata”. Si sostiene, infatti, che tale orientamento non abbia origini genetiche né derivi da squilibri ormonali, ma venga generata da fattori psichici acquisiti e curabili con la psicoterapia”. Come direbbe Conte “Ho Pauraaaaaaa !!!”

images

Per colpa di voi genitori che non educate più i figli, questi pazzi scatenati si sono sentiti in dovere di vigilare sull’educazione dei pargoli al vostro posto. Questi malati di mente che dovrebbero essere rinchiusi in uno scantinato e torturati con ore di visione di “Rocco e le Sue Sorelle” decidono cosa è meglio che i vostri figli guardino in Tv, plasmando negativamente le loro vergini menti. Per colpa della vostra mancanza di voglia di educare , questi ominidi si credono i paladini della Verità ed io sono costretta a vivere sapendo che da qualche parte, c’è davvero gente che crede in quanto scritto sopra.

Quindi, cari genitori, smettete di crescere bambini anarchici, vigilate sui loro comportamenti e sulle loro menti. Mandateli a letto ad orari decenti, insegnategli a stare da soli, ad annoiarsi con classe, a gestirsi il tempo senza scartavetrare le palle degli altri.

Rendete in pratica completamente inutile l’esistenza del MOIGE.

Fatelo per me.
Fatemi questo piccolo favore personale.
I vostri figli vi ringrazieranno.

Poschina

Tutto ciò che concerne il Moige ed è virgolettato arriva dalla nostra adorata Wikipedia.

Sprazzi d’Inferno: Il Disney Store

Stupidamente, credevo che il negozio più fastidioso di Milano fosse Abercrombie, quanta ignoranza.
Il vero inferno in terra è il Disney Store.

disneyApparentemente è innocuo.
Un negozio pieno di peluches dei Sette Nani (è incredibile come NESSUNO mi abbia ancora regalato il pupazzo di Brontolo nonostante siano come minimo 10 anni che ripeto all’universo mondo che LO VOGLIO – vero CCNDEN?), mugs meravigliose raffiguranti i personaggi – strano a dirsi – Disney, vestitini per future zoccole e tamarri in erba, intimo, tutine per neonati… Insomma, uno crede sia un bel posto in cui passare una ventina di minuti ricordando che una vita fa eri una bambina tutto sommato sopportabile e sicuramente educata.

NO.

Non fatevi ingannare.
Per motivi che, nonostante un notevole impegno mentale, mi sfuggono, l’italiano medio e in generale il genitore medio, è convinto che sia un negozio per bambini. No, non lo è. E’ un negozio fottisoldi nel quale i bambini non dovrebbero essere ammessi per diversi motivi, primo dei quali che è diseducativo. I bambini non dovrebbero vedere quanto potere hanno su noi adoulti. Non dovrebbero mai essere costretti a  vedere la loro mamma spendere 100 € per un completo da “Sleeping Beauty” che verrà usato una volta a dir tanto.

Secondo, è insalubre portare i bambini al Disney Store.
Insalubre per me, ovviamente: grida, risate sguaiate senza apparente motivo, corse a destra e a sinistra, manine sbavate che toccano tutto e tutti, passeggini, capricci, pianti isterici e, peggio di tutto, le bambine che sbraitano per gli accessori da principessa.
Che poi parliamone, NON SI FA.
Una vera principessa non sbraita e infatti, care le mie pacioccone, voi finirete a fare le caciottare, sposate giovanissime a tamarri decerebrati e sfornerete figli come biovette… e il ciclo sopra descritto si ripeterà all’infinito….generazione dopo generazione.

Ad essere onesti, le vere principesse a 30 anni ne dimostrano più o meno 45, Kate Middleton docet.

Ma se pensate che i bambini e la loro inutilità fastidiosa siano la cosa peggiore del negozio, vi sbagliate. Peggio di loro ci sono i genitori.

Famiglie intere. Mamma e papà, a volte nonni.
Le madri, una volta messo piede nel negozio, rincoglioniscono in modo imbarazzante. Strillano, fanno commenti poco dignitosi, si muovono convulsamente, sembrano le sorelle minori cretine dei loro figli. La situazione peggiora sensibilmente quando le mamme sono in coppia. Apriti cielo !!!!

I padri si dividono in due macrocategorie:
Gli entusiasti: sembrano bambini in un negozio di caramelle, il che è decisamente inquietante perchè un uomo degno di questo nome, non può amare il Disney Store. L’uomo vero ODIA i posti come il Disney Store, perchè gli ricordano che si è impegolato in un matrimonio che non voleva con una donna insopportabile che non gliela dà mai, salvo a Natale e Pasqua e che i suoi bambini sono orrendamente viziati e terribilmente maleducati.
Gli scocciati: la stragrande maggiornaza. Entrano nel luogo infame in quanto la di loro moglie gli ha triturato i coglioni fino a farli sanguinare e loro, non essendo uomini veri, non sono stati in grado di imporsi. Solitamente stanno fermi in un angolo, con una faccia che oscilla tra l’insofferenza e il funereo e ripensano al momento in cui, non si ricordano per quale motivo, hanno deciso di mettere su famiglia.

Dei nonni non parlo nemmeno, un fucile risolverebbe il problema alla radice.

Il Disney Store dovrebbe essere un luogo magico, un posto nel quale perdersi nei ricordi in fantili ed in un’atmosfera fatata. Al contrario, si entra in un girone dantesco che comincia con la ricerca ossessiva, facendo slalom tra stand e passeggini, dell’oggetto desiderato, e finisce con una coda chilometrica alle casse, che ha come momento apice del fastidio, l’insistenza da parte dei cassieri nel cercare di venderti una serie di sacchetti, borraccine, teli mare, bracciali e via dicendo, con il solo, poco magico scopo, di farti spendere una valanga di soldi in più di quelli che hai appena speso.

Nonostante ciò, stamattina appena sveglia mi sono agghindata con la corona di Elsa (Frozen) comprata per mia nipote, mi sono avvolta una coperta intorno alla spalle a mo’ di mantella reale ed ho percorso il tratto camera/sala salutando regalmente ipotetici sudditi accorsi per ammirarmi…..

ah…. la magia delle fiabe……

Poschina The Queen Bee

Storia di noi due…

Ok, ormai lo sapete tutti.
Faccio il lavoro più vecchio del mondo.
La Segretaria.

Segretaria è un termine che evoca immagini in bianco e nero, film anni cinquanta con ragazze vestite di tutto punto, serie, che lavorano in uffici spogli e squallidi, sempre impegnate a dattilografare qualcosa.
Segretaria è un termine che evoca immagini erotiche; ragazze fighissime perennemente in autoreggenti e tacco 25 chinate a 90 sulla scrivania mentre il capo le possiede con una certa insistenza.

La realtà?
Estremamente più complessa.
Oggi analizziamo quelli che sono i meccanismi di tortura psicologica che un capo mette in atto per soggiogare completamente la volontà della sua segretaria. Ok, oggi si usa Personal Assistant per dare l’idea (assolutamente falsa) che la tizia in questione abbia un ruolo utile per l’economia aziendale.

Prima di cominciare dovete sapere che io non sono una brava segretaria. Mi vesto come se stessi per andare alla fiera della porchetta, non indosso mai i tacchi alti, non lecco culi.
Però mi trucco bene. Perchè io NON esco MAI struccata. Solo una volta sono comparsa completamente priva di trucco in San Babila, a mia giustificazione si era allagato l’ufficio ed avevo dovuto correre a salvare il mondo dopo una telefonata di allarme alle 6 del mattino. Non preoccupatevi, prima dell’arrivo dei pompieri mi ero sistemata. Cmq. erano uno più cesso dell’altro… ma lasciamo stare i ricordi tristi…

trabocchetto-su-oroLa domanda trabocchetto

Alcuni boss ne fanno il loro marchio di fabbrica. Il mio è uno di quelli. All’inizio della relazione capo/segretaria, il boss ha gioco facile. Non vi conoscete ancora bene e dovete studiarvi, con la sottile differenza che Lui vi studia dall’alto e Lui può fare tutto quello che vuole, mentre voi, dal basso, dovete intuire la sua personalità dal grado di bastardaggine dei trabocchetti che inventa.

La domanda trabocchetto preferita è quella in riferimento al pranzo. Trilla il telefono, tu vedi il numero del boss quindi rispondi sorridendo (se non stai sorridendo lui lo capisce e sei fottuta), e …. “Devo andare a pranzo con Tizio, che ristorante mi consiglia?”.

Siccome il tuo stipendio lo ha deciso Lui, sa perfettamente che Tu non puoi permetterti di mangiare in nessun ristorante della zona. Quindi è chiaramente una domanda trabocchetto. Però devi rispondere. Tranquilla zia, qualunque risposta sarà quella sbagliata.
Il primo ristorante che indichi non lo sceglierà mai, se non altro per non fare la figura di quello che fa la prima cosa che gli dici. Sul secondo avrà qualcosa da obiettare, di solito l’argomentazione è futile tipo “le sedie non si abbinano all’arredamento del bagno”. Il terzo lo prende in considerazione facendoti però notare che in zona c’è di meglio. Alla fine terrà una lezione sui ristoranti milanesi, decidendo all’ultimo momento di andare a mangiare in un Posticino dove è già stato e del quale ha un ottimo ricordo. Ovviamente è passata mezz’ora, sono ormai le 12.55 e lui vuole un tavolo per le 13, tavolo che, strano a dirsi, non c’è. Si ricomincia da capo con l’elenco, pro e contro dei vari locali e alla fine, quando ormai stai letteralmente per dare di matto, sceglie il primo posto che avevi indicato, sbatte giù la cornetta ed esce insoddisfatto dall’ufficio.

Tornerà disgustato dal pranzo, facendoti notare quanto tu sia inetta nel campo della ristorazione, e sottolineando che La Segretaria di Tizio trova Sempre un tavolo nel Posticino che a Lui piace tanto, perchè Lei sì che è efficiente….

doveDove sei?

Il boss è in trasferta. Sono le 12.55 e tu pensi che sia ora di fare pipì. Non la fai dalla mattina presto quindi ci sta che ti scappi. Ti alzi, entri in bagno, tiri giù quello che c’è da tirare giù e lo senti. Lo squillo del telefono. Il tuo telefono. Lo sai in quanto ha la suoneria differenziata rispetto alle altre, questo perchè i colleghi normali possono ignorare una chiamata, tu no. Se sei dalla parte opposta dell’ufficio, riconoscendo il trillo del Tuo telefono, puoi rispondere da un’altra postazione, così non rischi di perdere telefonate importanti.

Ti accorgi che è il capo a cercarti perchè invece di rinunciare dopo 3/4 squilli come fanno le persone normali, Lui insiste. Insiste. Insiste.
Lo richiami e la prima domanda che ti rivolge è: “Dov’era?” – Al cesso cazzo !!  Al cesso !!!!! –

La stessa scenetta si ripete ogni volta che non ti trova al posto. Sottolineo che anche se non ha bisogno di te, Tu ci devi essere. Seduta alla scrivania. Sempre. Come se fosse il tuo unico desiderio. Come se dallo stare seduti alla scrivania, dipendesse la tua stessa vita. Quando il mio capo comincia una frase con “L’ho cercata ma non sono riuscito a trovarla….” so già che la punizione si abbatterà su di me come una piaga d’Egitto, il problema è che non so quando nè come.

parliamoneCon me può sentirsi libera di parlare

Ah, quante illusioni ha generato questa frase quando ancora ero una segretaria in erba.
Che poi è vero.
Il mio capo realmente mi lascia entrare nel Sacro Ufficio per esporre i miei problemi, le perplessità, le recriminazioni. A guardarlo superficialmente, sembra anche che capisca il mio punto di vista. Giuro.
Ma.
Ad un osservatore esperto (io lo sono diventata) non sfuggirà lo sfavillare dell’iride. E’ lo sfavillìo di chi sa che non farà nulla in merito ai tuoi problemi. Ti ascolta perchè è magnanimo e fondamentalmente perchè teme davvero che tu te ne vada costringendolo a cercare un’altra SUB da addestrare, annuisce per darti l’idea di voler davvero risolvere la situazione che ti sta facendo sbroccare, sorride/diventa serio quando necessario e poi dice le tre parole che pongono fine alle tue speranze.

“Io La Capisco.”
Tenta di rabbonirti. La frase è immediatamente seguita dalle locuzioni:
– Si deve rendere conto
– Si metta nei miei panni
– Se ci riflette non è così grave come Le sembra adesso
– Penserò a come affrontare il problema
Poi sposta l’attenzione, con una naturalezza inarrivabile a qualsiasi sottoposto, su un Suo problema che solo tu puoi risolvere. Tu, perchè sei in gamba. Lo sa lui, lo sanno i colleghi, lo sa anche Tizio.

Fottuta.
Sei fottuta.
Uscirai dall’ufficio senza aver risolto un cazzo e con la consapevolezza di esserti quasi commossa per i suoi velatissimi finti complimenti.

non piangere

Su…su… Non piangere

Hai avuto una giornata allucinante, non solo hai salvato il mondo mandando raccomandate, smistando posta e registrando fatture, ma hai anche dovuto occuparti delle fisime dei capi delle altre segretarie, che hanno deciso, così a random, di romperti il cazzo tutto il giorno. Finalmente sembra che le cose si stiano calmando un po’.

Scordatelo.
Lui ha appena finito la riunione fiume che ti ha costretta a fare caffè, preparare vassoi con panini, portare litri e litri di acqua, sorridere come un’idiota a tutti gli ospiti e pentirti di essere nata. Apre la porta del tuo ufficio e ti guarda.
Ti guarda come un neonato guarda la mamma.
Una parte di te è estremamente divertita. Hai avuto una giornata di merda, ma lui è messo peggio. Sarà la mancanza di fondotinta?
Ti stai godendo il momento di gloria ma “Quando ha finito, venga nel mio ufficio.”
Traduco: “Muovi quelle chiappe flaccide e vieni immediatamente nel mio ufficio, tanto lo so che stai cazzeggiando!” il che, tra parentesi, è vero per entrambe le dichiarazioni.

Appena entri nel Sacro Ufficio ti accorgi della dura realtà. E’ in uno dei suoi momenti lacrimevoli. E ti ha scambiato per sua mamma. Papponi interminabili, voli pindarici, digressioni infinite. Perchè ha bisogno di sfogarsi e tu sei lì, a portata di mano. Tu sei lì, con aria di comprensione estrema, ascolti, annuisci, ti guardi bene dal commentare, sorridi, gli fai pat-pat sulla spalla e dopo circa 40/45 minuti lui ha riacquistato il savoir faire del boss navigato e tu sei completamente prosciugata, pronta per recarti a casa, spogliarti, e crollare addormentata sul divano entro le 21.10.

dimmi_cosa_posso_fare_per_te_0Cosa possiamo fare…..

Ok, questo devo ammetterlo il mio capo non lo fa quasi mai….
Ma capita di frequente in altri uffici.

Lui entra, ti guarda e dice “Secondo lei, cosa possiamo fare per questo bottone?”
E il motivo per cui il mio capo non lo fa mai, è che per risolvere l’annoso problema io gli procuro ago e filo e poi me ne sbatto. Ok, sono una pessima SUB. Ma un pessimo SUB ha un pessimo Master, quindi la colpa non è solo mia.
Ci sono al contrario ottime SUB che immediatamente cuciono il bottone.
Non si fa.
Dal bottone a “tutto il resto” il passo è breve.

“Cosa possiamo fare per queste stringhe?”
“Cosa possiamo fare per le gomme della macchina del fidanzato di mia figlia?”
“Cosa possiamo fare per la bicicletta del figlio della mia colf?”

Certo, il mio Boss non risparmia altre atrocità.

“Cosa possiamo fare per la stampante?” [manca banalmente la carta]
“Cosa possiamo fare per il condizionatore?” [basta impostare il termostato]

Tutte quelle cose, in pratica, che mi rendono letteralmente indispensabile oltre che estremamente soddisfatta del mio contributo all’azienda.

guffetti

Capirsi al volo

Fondamentale per la buona riuscita del rapporto malato tra Boss e Segretaria è il capirsi al volo. Cosa che un po’ spaventa, un po’ fa sorridere e sinceramente, è preoccupante.

Capita sovente che non ci sia più l’esigenza di parlarsi.
Lui entra in office, alza un sopracciglio ed io rispondo con una scrollata di spalle.
Ci siamo capiti. Non vuole vedere Tizio lunedì ma preferisce pranzare insieme mercoledì.
Oppure mi chiama e dice “Allora?” ed io “No, non è fattibile”. Riassumendo in due secondi una possibile dissertazione di ore su quale hotel sarebbe il caso di prenotare se partisse il nove invece che il dieci, passando per Mineo invece che andare a Licodia e che forse…. bla…bla…bla…

Se da una parte è comodo, risulta imbarazzante quando ci sono spettatori.
Perchè non è normale. E’ che so…. creepy.
Sono quelle dinamiche da coppia. Dinamiche che sono molto pucci con il tuo boy e sconcertanti con il boss. Tipo:

Entra il direttore amministrativo, nel contempo il boss si appropinqua nel mio office perchè deve uscire. Mi guarda, lo guardo, sorridiamo… poi io esclamo “Ok, non vedo l’ora”.
Sembra una roba da piccioncini. E infatti il direttore amministrativo ci guarda male, anzi MI guarda male. Malissimo. Perchè tu, inutile sottoposta, non devi MAI mostrarti in un qualche oscuro modo allo stesso livello del capo.
Ma noi stavamo parlando della lettera che devo preparare per il comune, e che avevate capito? Porci !!!
Oppure basta guardarsi per ridere. Come due adolescenti del cazzo.
E sì, in quel caso ricordiamo uno degli sporadici momenti di cameratismo nei quali sfottiamo amabilmente qualcuno a caso, di solito me medesima.
Gli altri però non lo sanno e sospettano…
Il che, in un modo alquanto perverso, è piuttosto divertente.

hqdefault

Grazie Padrone

Quando mi hanno downgradeato ed ho osato esporre il mio umile parere vagamente in disaccordo con la dirigenza, mi è stato chiaramente detto che avrei dovuto ringraziare perchè non ero stata “sbattuta fuori a calci” ma mi avevano tenuta.

Che poi dico… manco fossi un’opera di carità… io il mio lavoro lo so fare !! E che cazzo !!!

Cmq.
In quel preciso momento ho cominciato a riflettere su quanto sia labile il confine tra segretaria e SUB. Cioè . . .scendo di livello, responsabilità, mansioni, è ovvio che mi incazzo. No, avrei dovuto dire “Grazie Padrone” ed aspettare che so? che mi facessero anche pulire i cessi? Evidentemente sì.
Che poi basta saperlo… io mi adatto.
Sono anni che cercano di plasmarmi per diventare una SUB-segretaria perfetta ed io, ad onor del vero, un po’ sono migliorata.

So tacere, sorridere con convinzione, per certi versi godo nell’essere “maltrattata” perchè mi permette di lamentarmi copiosamente (dopo ed in privato), prevedo ormai con una precisione dell’80% cosa aspettarmi dal capo nella giornata solo osservando la porta del suo ufficio (aperta, socchiusa, chiusa, a metà), ho imparato a non chiedere nemmeno per sbaglio di fare le ferie in un periodo diverso da Agosto (quest’anno ho raggiunto l’apice chiedendo a lui quando preferiva che le facessi; succube fino in fondo), sono felice quando viene apprezzata la mia straordinaria capacità di impostare una lettera, faccio le fusa come una gatta in calore le due volte l’anno in cui i miei meriti vengono riconosciuti in pubblico, ricordo a memoria i nomi dei consiglieri, dei consulenti legali e dei loro parenti fino alla settima generazione.

Certo, devo ancora lavorare su tantissime cose.
Abbigliamento, sarcasmo, motivazioni, biglietti da visita (il mio boss ha una certa fissazione per i biglietti da visita – Grazie Padrone – Inserire i suoi biglietti da visita nella rubrica Outlook è un onore per me), atteggiamento generale, resistenza alla frustrazione….
Beh, insomma c’è ancora molto da fare, ma bisogna essere ottimisti. Io intanto, per portarmi avanti, il set bondage l’ho ordinato…..

Poschina

P.S. Voi non lo sapete ma il boss ogni tanto mi legge. Nel caso: “Ciao Boss… non facciamone una questione personale. Qui si scrive per ridere !!”

Neuroni sparsi: questioni di vitale importanza

Oggi parliamo a cazzo di diverse argomenti che circolano nel mio cervello privi di un qualsivoglia controllo…
Per esempio:

Capiamoci; Io Ho Fretta !!!!!!

Tra le millemila situazioni che mi rendono inevitabilmente isterica (più isterica) ce n’è una che mi getta nello sconforto psichico, ossia la lentezza. Quella altrui ovviamente.

fretta

Sarà un problema tipico di chi è milanese di nascita, lavoratore in centro città, cresciuto a latte e insofferenza, come mi hanno accusato un paio di romani nullafacenti cazzeggiatori qualche anno fa, i quali sostenevano fosse assurda (per esempio) la pretesa del milanese medio di mantenere la destra sulle scale mobili della metropolitana. Gente strana i romani…..

smartphone

Gli smanettatori accaniti di Smartphone

Sei in metropolitana, M1 per l’esattezza, scendi dal vagone alla fermata giusta e nei tempi giusti come ogni frequentatore abituale di mezzi pubblici sa fare, e cominci a scalpitare per uscire dal tunnel. Invariabilmente, a qualsiasi ora e in qualsiasi giorno della settimana, ti trovi davanti un rincoglionito che sta smanettando con lo smartphone.

Ora, nessuno dice che sia facile camminare e smanettare contemporaneamente, ma è altrettanto vero che non te l’ha mica detto il medico di smanettare camminando. Se non sei capace non lo fai.
Che poi mi sembra un principio abbastanza semplice. Non è che io mi metto a tagliare i capelli ai colleghi solo perchè ho le forbici sulla scrivania. Lo stesso vael per te. Sei incapace di fare due cose contemporaneamente, NON farle.
Non ha alcun senso che per colpa tua, che sei chiaramente un inetto/inetta, io debba rallentare la mia corsa frenetica verso il luogo in cui devo recarmi.
Poco importa se sto andando al lavoro e piuttosto che entrare mi farei tagliare la mano destra, io ci devo arrivare senza intoppi, senza essere costretta a cambiare passo perchè tu devi whatsappare alla tua amichetta qualche insulsa cazzata mattutina. Che poi che cazzo avrete da scrivervi? Da dove viene tutta questa voglia di comunicare alle 8 del mattino? Perchè?

Cose che non capitano MAI !!!!

Ebbene sì.
Facciamo Comin’ Out e parliamo di un problema molto serio: quelle cose tipiche di film, telefilm e libri che nella vita reale NON CAPITANO MAI.
E lo faremo in ordine di importanza.

n. 1 – Incontri bollenti con sconosciuti i luoghi insoliti

sex

Situazione tipo:  siete ad una festa pallosissima con il vostro partner (essere già impegnati non è fondamentale ma rende meglio l’idea), facciamo pure che è una di quelle occasioni tipo “presentazione della nuova dirigenza aziendale” e quindi siete tutti infighettati a leccare culi. Il vostro partner è già al quarto/quinto prosecco a stomaco vuoto e voi vi state giusto domandando perchè non lo avete fanculizzato quando ne avete avuto l’occasione. Siete stanche, frustrate, sull’orlo delle lacrime tardoadolescenziali e state sinceramente pensando di svignarvela, tanto non se ne accorge nessuno. Improvvisamente si avvicina una specie di Uomo Harmony. Chiaramente pieno di soldi. Chiaramente virile fino al midollo. E, altrettanto chiaramente, con il cazzo grosso. Questo voi ancora non lo sapete ma non vi preoccupate che a breve potrete saggiarne le dimensioni. Solitamente è moro con gli occhi chiari, meglio se verdi, con un fisico asciutto e scolpito, parla con una voce che vi provoca un orgasmo istantaneo e vuole voi. Non è ancora chiaro il perchè, ma vi vuole dal primo momento in cui vi ha viste. Vi vuole al punto che vi trascina in un posto appartato (e qui potete inserire la vostra fantasia: ascensore, cantina dei vini, dietro le camelie sul terrazzo, in bagno, nella sua Bugatti Veyron …..) e vi scopa come nessuno ha mai osato prima. E’ dolce, deciso, delicato, brutale, forte, resistente che manco una pila Duracell, bravo con le mani, la bocca, la lingua, i denti, l’uccello. Inutile dirvi che vuoi avete una serie di orgasmi indimenticabili in quest’ordine:

– la prima volta che vi tocca e vi parla
– mentre vi bacia e vi tocca lo scrigno segreto
– mentre vi pratica The Best Cunnilingus Ever
– mentre vi trivella
– mentre viene

Soddisfatte.
Eh, sì cazzo !!!!
Peccato che certe cose non capitino mai. Quantomeno non a me. Ma a voi?
E non dico quello che vi ruba una slinguatina frettolosa mentre siete mezze ubriache la notte dell’ultimo dell’anno….
Parlo proprio di tutto quanto detto sopra, più altra roba che sicuramente ora mi sono dimenticata.
Che poi parliamone seriamente.
Tipo oggi: mutanda viola con disegnino buffo + reggiseno nero. Non certo il miglior afrodisiaco del mondo. Sono l’unica che gira con mutanda e reggiseno spaiati? E poi tutte queste donne perennemente fresche di ceretta? Mai una con la ricrescita di non dico 5 ma 2 gg? E questi uomini così meraviglioserrimi, dove sono? Perchè io sopporto da anni CdA con gente altolocata e il meglio che ho visto è un unltrasettantenne che mi ha guardato lascivamente il tattoo? Perchè? Perchè??????????????

n. 2 – Coprirsi pudicamente le tette dopo aver fatto sesso

topolina

Questo  il classicone dei classiconi che mi fa imbestialire….
Film – coppia strafiga che fa sesso, ma non solo. Dirty Sex. Scopazzano come facoceri tutta la notte in tutte le posizioni e facendo tutte quelle cose che ancora oggi, nel 2014, in alcuni Stati USA sono illegali.
E lei non è inibita, anzi. Lo vedi che a lei piace. Lo vedi e lo senti visto che i film sono provvisti di audio. Magari la senti dire anche qualche zozzeria.
Poi, improvvisamente, finito il sesso, lei si trasforma in Santa Maria Goretti e si copre le tette.
Perchè?
Cioè.
Mi fai vedere tutta la scena di sesso, tettazze comprese, e poi improvvisamente lei sta lì ferma a coprirsi insistentemente con il lenzuolo.
Ma quando mai?
Ok, io sono un caso a parte perchè in casa mia mi aggiro in qualsiasi condizione, magari le altre donne no.
Ma dopo il sesso, ha senso coprirsi le tette? No.
NO che non ha affatto senso ed è pure terribilmente irrealistico.
Sentiamo…. quante di voi si coprono pudicamente le tette dopo che hanno selvaggiamente copulato?
Onestamente; è una cazzata.
E’ l’Epic Fail della cinematografia.
E soprattutto, è intollerabile. SUORA !!!!!!!

n.3 – Mi infilo il jeans senza mutande

Situazione generalmente riferita all’essere sessuale maschile, tipica dei film e che sospetto sia atta a mostrarci quante ore il tizio in questione ha passato in palestra per riuscire ad avere una scanalatura pelvica decente.

E solo a scrivere scanalatura pelvica mi eccito.

ragazzo-sexy-foto-in-bianco-e-nero

Consiglio: non cercate “jeans uomini nudi” su google perchè 9 foto su dieci sono di uomini/modellazzi con il jeans aperto e il cazzo di fuori. Anzi, cercatelo ma a casa e non al lavoro…. a meno che il vostro capo non sia particolarmente aperto di mentalità.

Cazzi giganti a parte…

La scena solitamente prevede il post coito. Anche in questo caso un coito da manuale con multiorgasmo. Poi mentre lei si copre pudicamente le tette, lui si alza per un motivo qualsiasi (telefono che squilla, citofono, fame…) e si infila la prima cosa che trova. Uno potrebbe pensare siano le mutande e invece no. Sono i Jeans. Cioè il un paio di pantaloni in tessuto denim.
Lui li infila e sono sempre, costantemente jeans a vita bassa, che lasciano in bella vista la scanalatura pelvica (vampata) e la strisciolina di pelo che indica il premio finale (vampata).

Ma la mia domanda è questa: non danno fastidio?
Seconda questione: sarà per questo motivo che gli uomini si grattano spasmodicamente i testicoli? Colpa dello strusciamento post coitale del denim?
E’ una pratica erotica?
Ma poi, prima di uscire, te le metti le mutande?

Tutte domande di vitale importanza che rimarranno senza risposta.

n.4 – Mi sveglio con trucco e parrucco perfetti

Anita_Blond_08

Quando il risveglio in questione è post-coitale, abbiamo due alternative.

– i due sono avvinghiati nel più romantico degli abbracci (e questo è il fake dei fake. Non è per niente comodo dormire abbracciati, al massimo a cucchiaio ma anche lì, sfido chiunque non sia cadavere a resistere nella stessa posizione tutta notte, magari ad agosto senz’aria condizionata. E poi basta con questa storia. Dopo dieci minuti hai almeno una parte del corpo addormentata e formicolante e un principio di attacco di cervicale. Dieci coppie su dieci dormono ciascuna nella sua parte di letto e sviluppano tattiche militari per evitare che il partner sconfini)

– Lei si sveglia come la foto sopra. Truccatissima, con la piega appena fatta, l’alito che sa di mentina, vogliosa di prenderlo il prima possibile, impeccabilmente pronta – se necessario – per presentarsi in tribunale a discutere la causa più importante della sua vita.

Mai una che si svegli con le borse sotto gli occhi, il trucco della sera prima leggermente sbavato, i capelli stile nido d’aquila e la faccia da cazzo che hanno tutte le donne quando alle 6 la sveglia le tira giù dal letto.

Faccio notare che invece l’uomo si sveglia scarmigliato; per ragioni che non ho voglia di indagare l’uomo scarmigliato fa sesso, la donna no.

Beh, che dire?
Per oggi ho finito di lamentarmi e recriminare…. quantomeno in questa sede 🙂

Poschina

Go back to your playpen, Baby.

Questa frase è emblematica.
E’ emblematica perchè quando da ragazzina guardavo Dirty Dancing con gli occhi, il corpo e il cervello di chi è convinto di avere qualcosa da dare e da ricevere in questa vita di merda, mi irritava.
Non sopportavo il tono di Penny; come se parlasse con una decerebrata.

dirtydancing02gr6mq

Ad una ventina d’anni di distanza mi accorgo di essere diventata Penny.
Effettivamente solo una paraculata, giovane, inesperta, privilegiata figlia di papà come Baby, poteva permettersi di andare da una donna disperata, triste e sola a sciorinarle una vagonata di buonismo spicciolo come se fosse la Rivelazione. E’ già tanto che Penny non l’abbia accoltellata seduta stante, ma si sia limitata a dirle, gentilmente, che aveva la maturità emotiva di un pompelmo.

Questo per introdurre l’argomento principe di oggi. Quelli a cui va tutto bene che vivono nella stessa società di quelli a cui va tutto male e che non hanno nemmeno la decenza di stare zitti e godersi nell’intimità il loro Profondo Culo, ma lo ostentano fino alla morte. Mi viene il fondato sospetto che esistano solo per sottolineare, con nove o dieci linee ben marcate, l’ingiustizia della vita.

LINK FACEBOOK MEME

La “Sindrome di Baby”, che ho inventato seduta stante, consiste infatti nel non avere un cazzo di problema, ottenere sempre quello che si vuole, avere sempre qualcuno pronto a pararti il culo e non resistere alla tentazione di andare da chi sta palesemente attraversando un periodo di merda per vomitargli addosso una serie di consigli NON RICHIESTI, frasi fatte che non fanno altro che far sprofondare lo sfigato di turno nel baratro, dimostrarsi buoni ed altruisti sparando cazzate che non hanno alcun senso logico ma che fanno sentire chi è affetto dalla sindrome particolarmente realizzato. Queste persone tendono ad avere una visione della vita schifosametne ottimista. Non contenti, continuano a sbandierarlo ai sette venti.

Tu sei lì, stai morendo dentro, è palese a tutti tranne a chi è affetto dalla sindrome, e lui/lei arriva e comincia ad assillarti con frasi fatte tipo “sai cosa dovresti fare?” – “secondo me se la prendessi meglio…..” – “se succedesse a me….” – “preferirei fosse successo a me….” –  e via dicendo.

Vi faccio notare che le ultime due frasi, che di solito culminano con dichiarazioni che dovrebbero essere punibili con la detenzione per la loro imbecillità, sono quelle che più fanno incazzare il dolente di turno.
Primo: Lo sanno tutti che a te non succede, quindi è inutile che me lo dici perchè in questo modo non fai altro che ricordarmi di quanto tu sia fortunato, e me lo sbatti in faccia mentre io sto già mezzo morto dentro e, tra le altre cose, non è elegante far notare ad un altro la sua palese inferiorità di Profondo Culo.
Secondo: Non preferiresti che fosse successo a te e comunque, considerato che a te NON è successo, potresti fare a meno di ricordarmi per l’ennesima volta che a te non è successo mentre a me sì. Che poi parliamone… “preferirei fosse successo a me” . . .

1396830944990

Seriously?!? Seriously?!?
Non si può sentire. Non ci crede nessuno.
Siamo onesti. Nessuno. NESSUNO !!!!! vorrebbe le sfighe di un altro.
Big NONO.

Che poi vorrei vedere…. mi piacerebbe proprio che a fronte di questa frase il Grande Spaghetto (sono Pastafariana) scendesse sulla terra, andasse dallo stronzo di turno e gli dicesse “Ah, eccoti…. quindi tu hai detto che vorresti fare cambio. Ok, come vuoi”. Mi piacerebbe solo per vedere la faccia dello stronzo mentre si accorge che “le parole sono importanti” e che sarebbe il caso di usarle con molta, moltissima attenzione.

nuvole-in-rosa

Ma oltre a queste inezie, chi è affetto dalla Sindrome ha la fastidiosa tendenza a vivere come se fosse circondato da una nube stucchevolmente rosa. Ok, sei felice. Felicissimo. Felicerrimo. Felicettimo. Bravo. Applausi a scena aperta, standing ovations (vero Bran?), pacche sulle spalle. Poi basta. Non è che mi devi scartavetrare i coglioni con la tua gioia. No, non funziona così. Questa è ostentazione e non è per niente elegante.

Cosa dite? La mia è invidia. Beh, certo.
Onestamente, io ci navigo nei sette vizi capitali. Non me ne faccio mancare uno. Non sono una di quelle persone che negano di avere le debolezze umane e si trascinano reprimendo i loro peggiori istinti mostrando sempre e cmq un alone di finta santità agli altri (come gli affetti dalla sindrome).

Io sono invidiosa, mortalmente accidiosa, assolutissimamente irosa e golosa in egual misura e spesso contemporaneamente; ovviamente ed orgogliosamente lussuriosa, e anche se mi scoccia ammetterlo non eccessivamente avara o superba. Ma c’è tempo. Una volta non ero nemmeno cinica, ma adesso ne sono il manifesto ufficiale quindi non mi precludo nulla per il futuro.

angel_450088

Quello che però più di tutto mi infastidisce è che coloro che sono affetti dalla Sindrome, invece di essere considerati comuni esseri umani dotati di un Profondo Culo, vengono circondati da un inspiegabile alone di santità. La gente li considera infatti esseri superiori, capaci di trasformare le avversità in carburante atto a far bruciare più intensamente il fuoco della giustizia che li alimenta. Gente che arriva a venerarli e ad ergerli sopra l’uomo comune, esaltando i successi e non guardando mai oltre la patina che li ricopre.

Eccola la nota dolente. Perchè se non ve lo spiego, poi sembra quasi che io spari su povera gente che ha passato la vita a farsi il culo ed ora si gode i frutti della fatica.

No.
Io parlo di gente che è nata, ha vissuto e vive tutt’ora in un mondo parallelo, fatto di zucchero a velo e pan di zenzero, parlo di gente che ha passato la sua vita ad essere accompagnata, mano nella mano, in tutto quello che ha fatto, che si è presa i suoi tempi tutte le volte che ne ha avuto bisogno. Gente che non sa cosa voglia dire sbattere contro la vita non una, non due, non dieci ma mille volte.
Costantemente.
Persone che ostentano una bontà d’animo che non appartiene all’animale uomo, circondate da altre persone che si rifiutano di scavare, di leggere tra le righe, di ragionare e che si accontentano della patina lucida che vedono in superficie.

Suicidio

Sono le stesse persone, che se oggi mi lanciassi sotto la metro rossa, domani si farebbero intervistare da Studio Aperto sottolineando quanto il mio gesto sia incomprensibile, perchè sono sempre stata una donna piena di vita, sorridente e desiderosa di rendere questo un mondo migliore.

Perchè chi soffre della sindrome, non vede al di la del proprio naso. Di fronte alla palese mortificazione interiore di un altra persona, si rifiuterà di accettarla e cercherà ossessivamente di trovarne il lato positivo, negando l’evidenza più e più volte, se necessario.

Sono come quei vecchi amici ai quali tenti inutilmente di spiegare che tra il te stesso di dieci anni fa e quello di oggi, non c’è un abisso, di più. Loro non ci crederanno mai ed insisteranno nel ripeterti che non è possibile, che sei sempre tu e siamo sempre noi e non è cambiato niente…. col cazzo. Io con quella di dieci anni fa non centro nulla…. ero così maledettamente fiduciosa, così maledettamente piena di vita… dio mio che schifo!!!!

Lo sapete vero che si vocifera che più siete in alto e più sarà dolorosa la caduta?

Confermo.

responsibilities

Dopo quanto detto, mi sembra il minimo specificare che sono responsabile di quello che ho scritto e non di quello che voi capirete. Sono costretta a precisarlo perchè ultimamente sembra che quello che dico sia estremamente fraintendibile.

Perchè voi forse non lo sapete, ma finchè scrivo stronzate tutto bene…. ma un post come questo è capace di scatenare la bestia che vive in ognuno di voi e far crollare amicizie decennali solo perchè ci si sente, peraltro senza alcuna logica, chiamati in causa (quelli affetti dalla sindrome non essendo consci di esserlo non si riconosceranno affatto).

Alla fine della fiera, e scommetto che alla conclusione non sia arrivato nessuno, a giustificazione del pappone scritto sopra posso solo dire che oggi è lunedì, piove, fa freddo, aprile mi ha appena umiliata come meglio non avrebbe potuto, sono a pezzi (dentro, fuori sono sempre splendida), ho vagamente fame, mi sono svegliata con istinti omicidi, ho fatto il grave errore di aprire FB senza erigere prima un’adeguata barriera emotiva, sono mortalmente triste, devo iniziare un nuovo libro, mi annoio, e soprattutto erano mesi; MESI ! che non vi scartavetravo le palle con i miei problemi quindi questo post noiosissimo ve lo siete meritato tutto !!!

Poschina confusa e infelice

Oggi parliamo male, malissimo, di TWD

Ebbene sì.
Sto, come si dice dalle mie parti, DEMMERDA.
E questa volta ho deciso di crogiolarmi in questa sensazione particolarissima. Molti di voi, privilegiati che non siete altro, non ha la minima idea di cosa stia parlando e, beh, beati voi.
Parlo di quell’orribile sensazione di galleggiare in un liquido oleoso e vischioso che, nonostante voi stiate fermi fingendovi morti, cerca di trascinarvi sotto e nove volte su dieci ci riesce, dandovi la fastidiosa ed insostenibile sensazione di non riuscire a respirare. Che poi una parte del vostro essere aneli l’oblio è un’altra storia.
Vi basti sapere che è con questo mood che mi sono approcciata a TWD stagione quattro puntate beh… le ultime trasmesse da Sky. Quindi volevo solo due cose: morte e sofferenza.
Invece al solito mi sono dovuta accontentare delle pallosissime disquisizioni filosofiche sul presunto significato della vita durante un’apocalisse zombie.

Let’s start the show

daryl

Daryl Dixon è quello che si dice un cazzoduro. Lui non è smieloso. Lui non si perde in inutili filosofeggiamenti morali. Lui ha una specie di storia malata con Carol. Lui  ha un passato da Badass che ha convertito in “difesa dei deboli”. Insomma è l’uomo che vorrei avere vicino in caso di apocalisse zombie, sì. Proprio lui. Non “Guardate come sono moralista Rick” o “Mio dio che palle di uomo Glenn”. No. Io vorrei Daryl perchè lui ha la balestra e un suo codice d’onore chiaro e ben definito. Ed ha la tipica sensibilità distorta del cazzoduro convertito.
O meglio, era tutto questo prima che il Governor distruggesse la prigione e lui si trovasse a girovagare per i boschi con “Sono inutile perchè non scopo nemmeno” Beth, sorella dell’ormai odiosa ed insostenibile “Non faccio una cosa sensata” Meggie e figlia di quel grand’uomo “Sono uguale al nonno di Heidi” Hershel, che ci ricordiamo tutti per la meravigliosa scena della decapitazione.
Ma ecco un’istantanea della biondina insopportabile.

BethGreene_

Allora, lei è una sorta di figlia di Gesù o roba del genere, infatti è cresciuta in una specie di fattoria cattoconservatrice con il papi e la famiglia.  Il punto è che ad un certo punto le viene la meravigliosa idea di provare l’ebbrezza dell’alcol. E rompe il cazzo a  Daryl perchè la faccia ubriacare. Lui resiste per un po’, poi, quando dentro di sé comincia a riprovare la gioia nell’idea di ferire qualcuno ancora in vita, la porta in una distilleria clandestina e la fa ubriacare.
Parliamone.
Lei non ha mai bevuto nemmeno un Bacardi Breezer e nonostante tracanni per un’intera giornata alcol denaturato al 95% non va in hangover, non sviene, non vomita, non ride, non fa niente che la possa far sembrare anche solo lontanamente ubriaca. Nemmeno si struscia contro i 90 kg di maschio che ha di fianco. Anzi, lo insulta, lo provoca, lo fa imbestialire e cosa ottiene? Non che lui la prende, la mette a 90 e se la sbatte per tipo due giorni giusto per farle capire chi comanda, no. Lui piange perchè si ritiene responsabile della decapitazione del nonno di Heidi. E lei lo abbraccia da dietro perchè in fondo, nonostante i 200 litri di alcool è profondamente puritana e sia mai che abbracciandosi come persone normali, parti del corpo immonde possano venire in contatto. Beth, io ti odio.

Purtroppo sono finiti i tempi in cui “Sono perennemente arrapata” Andrea molestava “Sono un insano di mente” Shane in macchina, stritolandogli il pisello.

Ma passiamo alla coppia dell’anno “Spero che moriate tra atroci dolori” Glenn e Meggie che io preferisco ricordare così: quando c’era ancora qualche speranza che almeno uno dei due non ce la facesse.

TWD Maggie and Glenn

All’inizio Glenn era uno dei miei personaggi preferiti. Giovane, sveglio, temerario, un po’ incosciente e simpatico. Tutto questo fino a che non incontra Lei, la figlia del nonno di Heidi e precipita nel servilismo della Gleba di Eliana memoria. Diventa una specie di “Vorrei ma non posso essere il tuo cavaliere dall’armatura scintillante” e noi gente sveglia capiamo che il fondo è stato toccato quando a lei ritardano di due gg. ed entrambi invece di pensare ad un’amenorrea dovuta alle pessime condizioni in cui vivono, per non parlare dello stress, sperano che sia il segno divino dell’arrivo di un figlio.
Spoiler: Non arriva.
Io sono disposta a tutto, o quasi, in nome dell’intrattenimento. Ma nessuna mente pensante vorrebbe rimanere incinta durante un’apocalisse zombie. NESSUNO. Invece loro sono lì’ a guardarsi come due facoceri in amore, ma per DIO!!!
Fatto sta che quando il Governor distrugge la prigione la coppia si divide. Nonostante tutto entrambi non cedono all’idea di poter avere perso l’altro e costringono i rispettivi compagni di viaggio a rischiare la pellaccia per ritrovarsi e coronare il loro sogno d’amore. No Way !!!!

Io comincio seriamente a pensare che dietro a TWD ci sia un intento misogino.
Da Lory ad Andrea, passando dalle sorelle bigotte, fino alla famiglia di imbecilli tutta al femminile raccattata dal Governor, le figure femminili di questo serial si caratterizzano per essere un compendio di insostenibile fastidiosità. Stupide, lagnose, mezze zoccole o completamente suore, irragionevoli e moderatamente antipatiche.
Per quanto mi riguarda salvo al momento Michonne e Carol. La prima non c’è bisogno di spiegare perchè, la seconda perchè da piagnina inutile è forse l’unica in quella gabbia di menti malate ad avere ben chiara la situazione in cui sono costretti a vivere ed agisce di conseguenza. Per ora.
Faccio notare che dei bambini ospitati nella prigione, la pazza con tendenze sadiche è femmina.

Ma passiamo alla perla. Colui che io ho sperato di veder morire più e più volte inutilmente: Carl.

Chandler-Riggs-Carl-hat-Walking-Dead-AMC

Ah, Carl, Carl….quante soddisfazioni.
Era un bambinetto piuttosto simpatico.
Convinto che il papi fosse schiattato prima dell’apocalisse, viaggiava con “Mamma zoccola” Lory e “Papà putativo” Shane che scopavano allegramente nei boschi senza nemmeno preoccuparsi di applicare la legge del  – salto della quaglia – . No, loro si accoppiavano come animali felici convinti che tanto cosa può succedere?
Poi il papi torna e tutto comincia a farsi strano.
La mamma è incinta e decide di tenere il bambino perchè in fondo che problema ci crea una gravidanza? Mica siamo nel bel mezzo di un’apocalisse zombie !!! Poi il papà e Shane cominciano a litigare perchè entrambi rivendicano il possesso di zoccolone + ripieno. E via così, fino a che il papi non abbatte l’ex amicissimo Shane dimenticandosi che risorgerà a breve e a Carl tocca fare il lavoro sporco.
Da lì in poi le cose precipitano.
E’ arrivato il momento tanto atteso e mentre tutti sono impegnati a mettersi in salvo da un’invasione di zombie, Lory ha le doglie, ma essendo anoressica ed avendo il bacino come quello di una bambina di 5 anni, il frutto del peccato che preme per uscire ha qualche problema così, complice Meggie (almeno credo è passato un po’ di tempo), la squarciano tutta per far uscire una incomprensibilmente sanissima bambina, che non si sa bene come verrà nutrita, ma pazienza. Indovinate chi sarà costretto ad abbattere la madre con un colpo in testa per evitare che si tramuti in zombie?
Sì, il piccolo Carl con il suo odiosissimo cappello.
Ovviamente queste situazioni al limite del tollerabile hanno trasformato il piccolo lentigginoso Carl in una macchina da guerra antipatica, fredda e, dulcis in fundo, che parla come un libro di citazioni filosofiche.
INSOPPORTABILE.

Dal canto suo “Sono e resterò un moralista” Rick le prende praticamente da chiunque.

review-the-walking-dead-3-06-hounded

Non c’è puntata in cui non sia completamente o parzialmente ricoperto di sangue. Ha la mania del controllo, ha avuto diversi “periodi” caratterizzati da comportamenti ai limiti dell’accettabile, pensavo di mettere in commercio alcune bamboline…. esattamente come con Berlusconi (ricordate Berlusca operaio? commesso e via dicendo?).
– Rick pazzo scatenato
– Rick salvatore della patria
– Rick coltivatore diretto
– Rick ammutinato
Insomma, le ha passate tutte, ma proprio tutte.
Ora per esempio girovaga con Carl e Michonne nella speranza di ritrovare la figlioletta che sembra essere morta durante l’attacco del Governor alla prigione.
Spoiler: la figlia del peccato è un highlander quindi viva e vegeta. Io ho sperato fino all’ultimo che fosse morta e invece…. mai una volta che venga accontentata 😦

Non so dove vorranno andare a parare, so solo che nonostante la trovi una delle serie più altalenanti della storia della TV, passiamo da episodi epici alla noia mortale con una facilità imbarazzante, non riesco a smettere di guardarlo. Sarà il mio innato masochismo? La mia predisposizione naturale alla sofferenza?

Ai posteri l’ardua sentenza.

Poschina – più Dead che Walking

Andiamo a Random

Ok, oggi salteremo senza alcuna logica da un argomento all’altro, così come mi vengono in mente… 

rigurgito-bambini

I bambini vomitano

I loro genitori vi diranno che non è vero, che capita raramente e altre falsità per proteggere un segreto custodito nelle case di milioni di persone. I bambini vomitano. Ammettiamolo. Diciamolo. Facciamo Coming Out. E parlo di vomito, non di rigurgito, che fa schifo ma almeno non rivolta lo stomaco in modo ingestibile.
Forte di questa consapevolezza, se in treno/metropolitana vedo dei bambini in età post rigurgito, solitamente mi allontano il più possibile. L’altra sera entro nel vagone della metro rossa, vedo che c’è una bambina seduta e già mi stavo allontanando, poi mi sono detta “dai cazzo! non fare la solita stronza che si allontana schifata dai bambini… già hai una pessima reputazione…”. Quindi rimango. 3 minuti dopo la tranquilla bambina si trasforma nella “figlia dell’esorcista” e comincia a produrre quantità industriali di vomito che cerca di spargere il più possibile. Grazie alla mia insospettabile reattività, ho fatto uno zompo indietro e una shiftata laterale che mi hanno permesso di NON essere investita dalla massa disgustosa. Altri 2 secondi ed ero dalla parte opposta del vagone cercando di eliminare dalla mia memoria quello che avevo appena visto. Spoiler: ho ancora gli incubi. Una parte di me provava una certa pena per la povera madre che era in panico nel vano tentativo di arginare i danni generati dal mostro, ma l’altra parte, quella razionale, mi ha impedito anche solo di pensare di aiutarla. Per completezza di informazione aggiungo che non sono stata l’unica a fuggire a gambe levate, insieme a me donne e uomini di qualsiasi età ed estrazione sociale si sono stretti in un abbraccio per superare il trauma.
Giovedì mattina, tanti bei bambini vestiti per carnevale…. non vi dico la fatica per trovare un vagone che ne fosse sprovvisto.

piz buinIl conforto che solo Piz Buin numero 4 può dare

Per anni mi sono chiesta cosa stavo cercando, perchè mi sentissi sempre, costantemente, insoddisfatta. Poi l’ho capito. Improvvisamente.
Cercavo quella sensazione di protezione e di tranquillità che mi infondeva il contatto con alcuni “uomini della mia vita” nei primi anni novanta. Con uomini della mia vita intendo figure maschili che ho avuto l’occasione di frequentare. Ora immaginatemi. Una piccola, inconsapevole Lolita che si aggirava senza alcuna restrizione per una quieta cittadina marittima. Ho tredici anni e qualche mese, sono un misto di innocenza e tette grosse che scatena nei ragazzi grandi quel misto di barzottismo sfrenato e senso di protezione che mi permette di diventare nel giro di una manciata di minuti “la mascotte” da coccolare per eccellenza. La consapevolezza che forse qualcuno di loro aveva anche avuto pensieri impuri mentre mi accoccolavo e mi facevo consolare dalle mie cocenti delusioni amorose, l’ho capito solo più avanti, all’epoca quello che sentivo era di essere protetta. Quel misto di salsedine, piz buin e, come si leggerebbe in un romance d’altri tempi, essenza maschile, mi faceva sentire protetta dal mondo, amata, come se nulla potesse veramente ferirmi. Solo l’anno seguente avrei assaporato il lato eccitante del trovarsi tra le braccia calde e forti di “uomini che sapevano cosa si deve fare con una donna”, ma nel 1993 ero  assetata di quel senso di pace che il misto uomo/piz buin sapeva darmi. No, non ho più provato quella sensazione. Sì, l’ho cercata in modo maniacale senza alcun successo.
E’ per questo motivo che giro costantemente con un barattolo di Piz Buin n. 4 in borsa, per consolarmi nei momenti di disperazione.
Qualche anno fa la Piz Buin ha leggermente modificato la fragranza delle creme solari. NON DOVEVATE FARMI QUESTO !!!!

project-runway

Project Runway Italia tende all’imbarazzante

Sono una di quelle persone che guardano America’s Nex Top Model e Project Runway USA. Mi piace Heidi Klum, trovo delizioso il modo in cui Nina Garcia stronca gli Outfit peggiori, amo Michael Kors e di solito mi affeziono nel giro di 2 minuti ad uno dei concorrenti e lo difendo anche quando crea lammerda.
Ero curiosa e piena di aspettative nei confronti di PR Italia, salvo poi guardare la prima puntata e bestemmiare per tutto il tempo.
A differenza di Heidi, Eva Herzigova è impalata e impacciata. Sembra che stia costantemente leggendo un testo scritto. Cazzo, hai fatto l’indossatrice e la modella…. è pane per i tuoi denti. Non capisco proprio come sia possibile che sembri ancora alla prima esperienza davanti ad una telecamera.
Ho definito i concorrenti ” per metà moderatamente antipatici e per metà completamente insopportabili” e dopo aver visto il secondo episodio confermo in pieno.
Infantili o antipatici per la maggioranza, gli altri sembrano dei sociopatici. Uno di loro sembrava indossasse un pigiama di pessima fattura. E questo potrebbe essere uno dei giganti della moda del futuro. Per dio no!!!
Ok, io sono un cesso e di moda non capisco una sega, per me moda significa Jeans e T-shirt, ma il piagiamone azzurrino caro il mio ambizioso stilista te lo metti tu.
Oltre a Eva abbiamo anche Alberta Ferretti, che ogni tanto dice cose intelligenti e Tomaso Trussardi, che ancora non ho capito se è quello che ha ingravidato la Hunziker o meno, ma si distingue per l’aria perennemente scazzata e  la strisciante convinzione di essere un gran figo. Si, sei abbastanza scopabile, ma solo se i 150 che sono davanti a te nella lista sono tutti contemporaneamente indisponibili, quindi calmati, scendi dal piedistallo e dì qualcosa di intelligente usando parole italiane. Grazie.
Il tutto è pervaso da una tristezza nazionalpopolare tipicamente italiana. Tutto sembra fittizio e tutti, giudici e concorrenti, sembrano capitati lì per caso.
Non ho alcuna intenzione di smettere di vederlo perchè ho la fisima del cucito, ma spero vivamente che presto torni PR USA perchè ho bisogno di roba fatta bene.

masterchef-quinta-sesta-638x425

Sky mi delude per la prima volta

Sky ha una sua dignità ben configurata. Mi garantisce le repliche di 007 con Daniel Craig a scadenze regolari, mi da un sacco di serie TV in prima visione, rispetta gli orari, fa programmi interessanti di arte e cultura generale, bei film, un canale di musica che uso spesso mentre leggo per farmi da sottofondo, la diretta di grandi eventi sportivi e Masterchef.
Masterchef Italia era fatto bene.
Masterchef mi dava grasse soddisfazioni.
Poi cominciano a menarla con “la finale in diretta” ed io mi esalto.
Epic Fail.

In diretta c’è solo la proclamazione del vincitore.
Ci troviamo ai Magazzini Generali con i tre giudici impacciati e imbarazzanti. Cracco parla con la regia convinto che non lo senta nessuno; Carlo: abbiamo sentito tutto. Vergognati.
Bastianich e Barbieri sono troppo imbarazzati per partecipare attivamente, le poche cose che dicono sono fuori luogo e stupide. Poi santo dio, se sento un’altra volta promuovere Masterchef Junior tiro un bestemmione colossale. ABBIAMO CAPITO!!!!

Il tutto peggiora con l’inutile tentativo di intrattenere il pubblico chiacchierando con gli sconfitti. L’unico che risolleva gli animi è Alberto, avrebbero dovuto portarlo sul palco e farlo parlare delle paperine per cercare di salvare la baracca.
Finalmente dopo un’interminabile, squallidissima attesa, arrivano i due finalisti. Almo, unto e bisunto come sempre e Federico, il quale ha avuto un picco di onestà intellettuale che me lo ha fatto apprezzare il minimo sindacale… ammettere “non ho niente nella vita, spero almeno di vincere masterchef” lo ha reso almeno onesto ed ai miei occhi vale molto.

Sì, vince Federico, il quale nemmeno esulta.
Uno dei momenti più tristi della televisione in generale, nemmeno Carlo Conti la notte dell’ultimo dell’anno o Mara Venier quando si è sfracellata la gamba mentre cercava di ballare…..
Ok, certe cose me le aspetto da Mamma Rai.

Da Sky mi aspetto delle scuse per la figura da cioccolatai che ci hanno fatto.

locusta

Gustavo sta bene

E’ con orgoglio che vi informo che anche quest’anno la locusta che ho ospitato durante i mesi freddi è sopravvissuta.
Ogni anno qualche locusta decide che gli anfratti del mio balcone sono il posto ideale per passare l’inverno ed io mi assicuro che stiano bene e non siano eccessivamente disturbati da Yoshi.
Quest’anno ho chiamato l’insettino Gustavo e lui ha approvato facendomi l’occhiolino.
Non so quanti giorni ancora potrò godere della sua compagnia prima che mi lasci e si faccia spiaccicare dalla prima macchina che passa, per ora mi godo le sue passeggiate sui fiori.

Poschina