Serata Revival: Pretty Woman

Prima di tutto vorrei che mi ringraziaste perchè l’idea era quella di aprirvi il mio cuore annoiandovi oltre l’immaginabile.

Dopo i ringraziamenti faccio una doverosa considerazione: essendo attanagliata dalla gastrite, non rispondo di quello che scrivo. Una mossa una po’ alla Berlusca,  ma capiamoci, io devo pur sopravvivere in questo mondo boia.

E a questo punto mi sovviene l’immagine di una T-shirt che aveva un amico quando ero adolescente e che mi faceva letteralmente morire dal ridere:

capotorto-vacca-boia

ok, ho avuto un’adolescenza terrificante, so what?

Ma passiamo all’argomento principe della giornata: Pretty Woman

Per la ben nota regola dei tre anni che non sto a rispiegare, io l’ho visto che avevo 13/14 anni, mese più mese meno. Ma in realtà questo mese più mese meno fa la differenza. A 13 anni e 10 mesi per esempio, ero una ragazzina spensierata e pettinata di merda che si aggirava per i corridoi della g.b. Vico con aria curiosa nei confronti del mondo. A 14 anni e 7 mesi avevo un carrè della madonna, un bellissimo vestito lungo nero che si abbottonava sul davanti; ma non riuscivo a chiudere il primo bottone sulle zinne, quindi mi si vedeva il pizzo del reggiseno. E’ così che ho scoperto l’ossessione maschile per le tette. Ma soprattutto ho scoperto che questa parte del mio corpo attirava l’attenzione maschile. E’ stato l’inizio della fine. Ero già pienamente adolescente e un film come Pretty Woman avrebbe potuto essere deleterio.

Infatti lo fu.

Sapete già che intorno ai 12 anni avevo scoperto gli “Harmony”. Quindi potete immaginare l’impatto di vedere uno di questi racconti in carne ed ossa. Pretty Woman, appunto.

Ma andiamo con ordine.

Pretty_woman_mid

Trama (da Wiki): Vivian Ward è una giovane prostituta di Hollywood, ma la sua vita è destinata a cambiare nel momento in cui incontra Edward Lewis, un affarista miliardario e senza scrupoli appena uscito dall’ennesimo fallimento sentimentale. La sua strategia lavorativa consiste nell’acquistare compagnie con difficoltà economiche, sull’orlo del fallimento, per poi rivenderle in piccole parti, in modo che il ricavo della vendita delle singole parti sia maggiore della spesa per l’intera compagnia. Edward incontra Vivian e rimanendone affascinato, propone alla ragazza un “affare”: restare con lui per l’intera settimana ad un prezzo da capogiro. La ragazza accetta. Il rapporto fra Edward e Vivian sembra inizialmente solo professionale, ma stando insieme lei tirerà fuori il meglio di Edward.

Notiziona curiosa, all’epoca la nostra Julia aveva 23 anni e sembrava una di 35. Ora ne ha 45 e sembra una di 20. Questa è Hollywood bellezza !!!!

shock the hell

Passiamo ai dettagli. Facciamo quindi che io avessi già i famosi 14 anni e 7 mesi e che avessi imparato ad usare le tette come specchietto per le allodole…. bene. Non avrei mai e poi mai dovuto vedere un film come questo. Anche lui, alla stregua di “Flashdance” ha rinvigorito la mia passione per i vecchi, benchè, a riguardarlo ora, Richard Gere non sembri poi così attempato nonostante la brizzolatura. Fatto sta che il messaggio è sempre quello, quello che ha caratterizzato la mia adolescenza: un giorno un uomo maturo e straricco si innamorerà di te e ti farà vivere nel lusso più sfrenato rendendoti anche una figa della madonna. MAI lasciare che un’adolescente, anzi, una neoadolescente guardi senza la presenza di un’adulta disillusa certi film. E vero che io compensavo con roba tipo “Come eravamo” oppure “Notorius” nel quale tutti  ricordiamo Cary Grant vendere Ingrid ad uno zozzo nazista solo per salvare la Patria; ma a 14 anni e 7 mesi è facile credere che farai la fine di Julia e non quella di Barbra.

sex in water

Che poi, ora come ora non mi farei sbattere nè da Richard, nè tantomeno da Robert. Perchè entrambi, ora, non mi fanno sesso. Ma a 14 anni, tutto è ormonale. Quindi, nonostante la disgustosa scena di loro due avvinghiati nella vasca, a me Richard piaceva, mi dava sicurezza, mi faceva sentire protetta. Ed è qui il vero messaggio del film. Il vero deleterio messaggio del film: l’uomo ti protegge. L’uomo ti cambia in meglio. E, peggio del peggio: L’UOMO CAMBIA PER TE, GRAZIE A TE.

Che poi parliamone, io preferisco di gran lunga la Julia before Ed:

julia before

piuttosto della vecchia squallidona della Julia after Ed:

julia after

julia after 2

che sembra mia nonna o la brutta imitazione della Regina Elisabetta.

E preferisco anche l’Ed tutto affari e freddezza, piuttosto dell’idiota che si arrampica su una scala antincendio con un orrendo mazzo di fiori in mano… davvero, da un uomo del tuo calibro mi sarei aspettata qualcosa di più. E tra l’altro… arrampicarti come un ladruncolo qualsiasi…. Shame on You !!!!

pretty-woman

Nonostante la feroce critica al messaggio diseducativo espresso dal film io LO ADORO.

L’ho finalmente visto in lingua originale scoprendo che Julia Roberts ha una bella voce giovane e squillante che si addice molto di più al personaggio di quella italiana e che Richard Gere oltre ad essere la monoespressività fatta ad attore, ha una voce mediocre, in pratica nulla che ti faccia attorcigliare le budella ed avere un orgasmo istantaneo. Ora che ci penso…. molti attori americani hanno una voce mediocre in originale, spesso poco “virile”, ma questa è un’altra storia. Ricordo ancora lo shock sentendo McDreamy…. Invece McSteamy…. 

By the way: Ci sono molti motivi per non vedere Pretty Woman, per esempio il fatto di essere uomo potrebbe non farvi desiderare ardentemente di sorbirvelo, oppure l’essere donne tutte d’un pezzo per le quali la sola idea di avere un uomo che vi tira fuori dalla melma e vi riempie di soldi e vestiti Armani vi disgusta in modo inimmaginabile, oppure vi fa cagare Richard Gere e non ve lo puppereste nemmeno per soldi.

Tuttavia, c’è una validerrima ragione per superare i vostri traumi e destinare un paio d’ore alla memorabile visione. Fairytale.

Sì. Perchè parliamone. Anche noi comuni tardoadolescenti – postfemministe convinte, esattamente come Vivian, vogliamo la FAVOLA.

E Pretty Woman è un bel favolozzo infiocchettato e pronto per essere gustato a dovere. Quindi piantatela di argomentare scuse inutili e guardatelo. SUBITO!!!!

Poschina – Fairytales Addicted

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...