Io ho tutti gli attrezzi d’oro e voi no !

No, non ho il vibratore rifinito in oro da 3.500 € o roba simile. Ho di meglio.

Tutto è cominciato circa 6 anni fa, quando al compimento del mio 27 esimo compleanno, CCNDEN mi ha regalato il Nintendo DS Rosa + Animal Crossing Wild World. Per chi non lo conoscesse è un meraviglioso, intrigante, selvaggio gioco, nel quale tu impersoni una personcina (-ina perchè sei picculerrimo) che vive in questo immaginario villaggio popolato da animaletti di vario genere. Farei notare che tu sei l’unico con fattezze umane, gli altri sono proprio leoni, zebre, galline, gatti…..

 

 

Nello specifico io “Poschina” vivo a Rivendel (con una L sola perchè non avevo più caratteri a disposizione) e il mio abitante preferito è Rinaldo, un rinoceronte semi-incazzoso fissato con la forma fisica, che tutte le volte che mi incontra mi chiama Polpetta e mi da consigli su come fare esercizio. La vita nel villaggio scorre tranquilla e scandita dalle stagioni. Cioè se sei in inverno nevica, se sei in estate fa caldo e ti abbronzi. Giusto per capirci. Scopo del gioco è fare soldi per comprarsi casa, all’inizio hai un monolocale, quando finisci di pagare i diversi mutui una villa enorme che onestamente non ti serve ad un cazzo perchè sarai sempre e comunque solo. Come fare soldi? Beh, pescando, cacciando insetti, coltivando rape rosse e speculando sul mercato delle rape bianche.

Sì, lo so che state sogghignando. E so anche che sarebbe il caso che la smetteste perchè vi ho visti passare le giornate migliori della vostra adolescenza a giocare chiusi in un bugigattolo a D&D oppure a Cyberpunk, ed ora passate le serate giocando a Fifa incazzandovi perchè secondo il vostro personalissimo punto di vista, l’arbitro è venduto…

By the way.

Ero una giocatrice normale. Andavo in giro ad annaffiare fiori, pescavo, estirpavo le erbacce…. Poi ho scoperto che c’è la guida. Tipo un milione di pagine per giocare con la G maiuscola. La scarico (sono tirchia) e la leggo. No, non è un gioco per bambini. No, non è un gioco facile. Ed ho pensato: mi sfidi? Ok, non sai con chi hai a che fare.

Solitamente mi aggiro placida senza scopi per il mondo, ma quando mi fisso sono uno schiacciasassi in gonnella.

Comincio con il volere a tutti i costi l’annaffiatoio d’oro. Ma per farlo devi mantenere la città perfetta per sedici giorni, e mantenerla perfetta significa lavorare perchè sia in armonia, non troppi alberi, non troppi fiori. Niente deve morire, spostarsi o cambiare in quei fottuti 16 giorni. Quindi devi prima trovare l’equilibrio perfetto e poi mantenerlo. Ho fatto cose terribili per ottenere l’innaffiatoio d’oro. Curavo i vicini malati, chiacchieravo con tutti, estirpavo le erbacce e annaffiavo con spasmodica percisione tutti i fiori, non solo i miei. Però alla fine l’ho ottenuto. E ne volevo ancora.

Gioco dell’ascia d’oro. Devi prima di tutto coltivare una rapa rossa che dovrai conservare integra fino a che in città non passerà Van Trick, un trichecone del cazzo che da me passa una volta ogni morte di papa, quindi tutti i giorni aspettavo la sua venuta manco fosse il messia. Poi, a seconda di quello che ti da lui partono una serie di peripezie infinite che terminano dopo circa sei mesi con la consegna della famigerata ascia d’oro. Che non serve ad un cazzo concretamente ma la dovevo avere assolutissimamente. 

La fionda è quella più semplice: abbatti un determinato numero di palloncini (passano in cielo durante il giorno) e ti verrà donata la fionda che spara 3 pietre invece di una. Tantissima Roba.

La pala d’oro è quella che hanno tutti. Giocatori della domenica inclusi. Basta sotterrare la propria pala e la mattina dopo come per miracolo è d’oro.

 

 

Il giocatore 2.0 però è oltre.

Per avere il retino d’oro e la canna da pesca oro devi catturare tutti i pesci e tutti gli insetti presenti nel gioco. Facile? Parliamone. Alcuni insetti ci sono solo in determinate ore del giorno o della notte in determinati periodi dell’anno. E lo stesso vale per i pesci. Ok, puoi barare spostando data ed ora (io non posso certo dire al mio capo “mi scusi, ma è l’ora del Marlin Blu e mi serve per avere la canna d’oro”), ma non è semplice lo stesso. Dopo un anno e mezzo di gioco ai limiti della vergogna (tipo che ci giocavo al cesso per ottimizzare i tempi), ho ripreso in mano il Ds con ACWW a sprazzi per gli anni restanti, fino a giungere alla settimana scorsa quando mi sono detta “Cry, non puoi essere così sfigata da non riuscire ad avere tutti gli attezzi d’oro” e così è partita la full immersion. Dopo qualche giorno di fatiche finalmente cade tra le mie grinfie la famigerata Libellula Striata. Ed io in piedi sul divano sbraitando “Ti ho presa Puttana” sono un’immagine che CCNDEN non si scorderà facilmente. Ma la preoccupazione restava. Il Coelacanthus non riuscivo proprio a pescarlo. Si palesa solo con pioggia o temporali. E da me non piove mai. O piove quando io non sono lì a guardare. Ma.

Sabato notte alle 2.30, quando ormai avevo la nausea dopo più di un’ora a pescare sotto il temporale, vedo un pescetto e dico “Ok, l’ultimo poi basta, mi arrendo”. Era lui. No, niente ballo nuda sul divano. No, nessuna imprecazione. Solo un “Non riesco a crederci, ce l’ho fatta”. Così Tortimer mi ha consegnato l’ultimo attrezzo d’orato* ed io mi sono sentita una donna appagata.

 

 

La Poschina che vive a Rivendel si è appena fatta una nuova pettinatura stile Marilyn, biondissima, indossa un vestitino nero ed un bellissimo cappellino bianco. Mooooooooolto fashion.

Motivi per cui si DEVE giocare ad ACWW:

– I villici ti chiederanno spesso e volentieri di  aiutarli a trovare un modo simpatico per cominciare o finire una frase…. ovviamente gli abitanti del mio villaggio imparano solo ed esclusivamente volgarità gratuite;

– puoi cambiarti vestiti e accessori. Alcuni davvero stupendi come i baffi alla Dalì, il ciuccio, il casco dello scafandro e via dicendo;

– Puoi cacciare i villici che ti stanno sul culo semplicemente ignorandoli per un po’, puoi invece tenerti quelli che ti stanno simpatici coprendoli di regali e quant’altro;

–  non ci sono relazioni sessuali, tutti vivono felicemente asessuati nelle loro case (loro hanno delle case, tu la villa, e già questa superiorità economica basterebbe a giustificare la passione per il gioco in oggetto)

–  Quando nevica puoi fare un pupazzo di neve (difficilissimo) e il giorno dopo prenderà vita e ti dirà se sei stato bravo o meno;

–  Il sabato sera puoi andare ad ascoltare le canzoni di KK, un cane che canta sotto il museo in un bar gestito da un piccione… il caffè è ottimo e se parli con KK ti regalerà la canzone che ha  appena suonato, che tu potrai riprodurre nello stereo che sicuramente avrai in casa;

–  Ad agosto, tutte le domeniche notti intorno a mezzanotte ci sono i fuochi d’artificio;

– Puoi personalizzare le costellazioni;

– Il giorno del tuo compleanno un villico a caso ti regalerà una torta…

Potrei andare avanti, ma vi voglio bene quindi smetto.

Sappiate però che ho ancora un sacco di cose da fare: finire la collezione di quadri e fossili al museo, completare la serie arredamento “neve” e “fungo”, farmi regalare la foto di Rinaldo e abbattere l’ufo e farmi regalare un gadget Nintendo da esporre in casa, e poi gli ibridi… imparare a creare gli ibridi e fare altre 1000 rose d’oro, che non si seccano mai e non muoiono; praticamente sono Dio.

Ora attendo l’arrivo di Animal Crossing  3D, poi sparirò dalle scene per i prossimi 5 anni….

Poschina  

* cit. di un mio famosissimo errore di digitazione su MSN 

Annunci

One thought on “Io ho tutti gli attrezzi d’oro e voi no !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...