Haruki Murakami

No, non vi sto insultando in giapponese. Sarebbe sicuramente un comportamento in linea con il mio essere ma non stavolta.


Haruki Murakami è uno scrittore giapponese che mi era totalmente sconosciuto fino ad un mese fa quando dal boss mi è stato  consigliato un suo libro.


L’uccello che girava le viti del mondo.


In breve potrei riassumere il tutto così: processo di crescita faticoso e onirico di un trentenne nella Tokio moderna.


Ma non ne sarei soddisfatta, quindi….


Direi che la definizione di origami data da wikipedia è più azzeccata:


Con il termine origàmi si intende l’arte di piegare la carta (折り紙, termine derivato dal giapponese, ori piegare e kami carta) e, sostantivato, l’oggetto che ne deriva. Esistono tradizioni della piegatura della carta anche in Cina (Zhe Zhi” 折纸), tra gli Arabi ed in occidente.


La tecnica moderna dell’origami usa pochi tipi di piegature combinate in un’infinita varietà di modi per creare modelli anche estremamente complicati.


Spinta dalla passione per una scrittura semplice e poetica, mi sono lanciata nella lettura di altri libri di Murakami. In ogni suo libro il confine tra il mondo reale e quello metafisico è talmente sottile che spesso ci si chiede quale parte della storia sia quella ambientata nel mondo che noi conosciamo e quale quella nell’altro. Tuttavia questo inoltrarsi nel metafisico è talmente ben integrato nel racconto e presentato in maniera così logica, che la storia non potrebbe esistere se non in questo modo. Leggere Murakami è leggere se stessi. E’ calarsi nelle profondità della propria mente e scoprire qualcosa di nuovo. 


L’uccello che girava le viti del mondo non è un libro per tutti come Haruki Murakami non è uno scrittore per tutti.


Non voglio fare la figa di legno; è così punto e basta.


Un po’ come Tolkien. Sì, Tolkien. Mio padre per esempio quando gli consiglio caldamente di leggere “TLOTR” mi risponde che a lui gli elfi….gli orchi… quelle cose che non esistono…. Che centra? Si parla di un libro meraviglioso, di una scrittura complessa e appagante, e la gente si ferma di fornte al trascurabile dettaglio che elfi e orchi non esistono. Addio metafore. Addio meravigliosa esperinza letteraria. E parliamo di 1200 pagine ricche di personaggi e azione e giuro che non c’è una contraddizione che sia una. Nemmeno una minima discrepanza. Tutto filologicamente corretto. Quasi patologico (non dimentichiamoci che Tolkien ha addirittura inventato un linguaggio, mica cazzi !!!)


Ecco, se siete come mio padre per cui vige l’assioma libro=racconto realistico, Murakami non fa decisamente per voi. Leggetevi solo saggi storici come fa lui e vivete felici e contenti.

Per tutti voi invece dotati di animo versatile, amanti della buona scrittura, desiderosi di conoscere un po’ di più la cultura orientale (incredibilmente diversa dalla nostra e decisamente interessante), avvicinatevi senza timori a questo scrittore, il cui maggior pregio è quello di saper rendere poetica la quotidianità.


Ah, tra tutti i personaggi presentati nelle millemila pagine de “L’Uccello che girava le viti del mondo”, quello che ho adorato è Kasahara May, forse perchè mi ricorda in troppe cose me stessa adolescente.


Cri


P.S: Io ODIO Danny di masterchef Italia. Lo odio al punto di desiderare con tutta me stessa di poterlo prendere a schiaffi ogni 20/30 minuti, così….solo per divertimento. Perchè la sua faccia da culo allegro è la cosa più insopportabile che Sky On Demand abbia mai trasmesso.


Ma ODIO anche Luisa perchè è convinta di essere la dea della cucina e invece…. ma lasciamo perdere che forse è meglio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...