Abashed the Devil stood….

…… And felt how awful Goodness is.

Avete capito benissimo, stiamo parlando di uno dei film più emblematici degli anni novanta. Stiamo parlando del film che ancora oggi, a distanza di 17 anni (figa se ne è passato di tempo) mi fa sperare, ogni volta che piove per un mese di fila proprio come ora, che Eric Draven spunti fuori da dietro un angolo e mi dica con la sua voce suadente: “It can’t rain all the time.”

L’apparizione del Corvo nella mia mente, nei miei occhi e di conseguenza nella mia vita è stata epocale. Ora aspetto solo di potermi permettere l’acquisto del Bluray per godermelo una sera armata di pop corn di blockbuster, coca cola gelata, copertina e un tuffo nei ricordi.

La prima volta che lo vidi mi innamorai follemente di questo personaggio maledetto e irresistibile. Un eroe romantico e decadente che addirittura risorge dalla tomba per vendicare la donna amata e sterminare coloro che le hanno tolto la vita.

Lui era l’uomo che tutte noi, adolescenti problematiche degli anni ’90, avremmo voluto trovare in futuro. Ci siamo riuscite? No, direi di no. Anche perchè io CCNDEN vestito aderente e truccato da Corvo non ce lo vedo proprio….

L’influenza sui cervelli della massa è stata talmente grande che ancora oggi ad Halloween centinaia di giovani si truccano di bianco e poi tracciano due croci nere sugli occhi e allungano i lati della bocca con matita nera…. Giuro che non ne ho visto uno che si avvicinasse anche solo lontanamente alla prefezione di Eric Draven Alias Brandon Lee, tragicamente scomparso durante le riprese….

Se poi vogliamo essere precisissimi bisogna aggiungere una colonna sonora stratosferica che io avevo, udite udite, in audiocassetta e che ho letteralmente consumato a fuoria di mandare avanti e indietro.

Inutile ora fare i revisionisti e dire che gli effetti speciali facevano schifo.

The Crow è stato Il fenomeno cinematografico degli anni ’90, ha fatto il botto, ha spaccato, si è inciso nei nostri cuori e lì resterà, come un tatuaggio fatto bene per ricordarci che non è mai il caso di far incazzare un musicista dark particolarmente figo, perchè per lui non esistono limiti. Risorgerà e ti spaccherà il culo.

Ora, io spero che tutti voi abbiate visto, rivisto, analizzato, compreso, studiato questo film, perchè se non l’avete fatto siete assolutamente i più grandi LOSERS che io conosca.

Poschina The Crow Addicted

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...