God bless Storms

Una delle cose che amo di più in assoluto sono i temporali estivi. Beh, a parte il fottuto terrore che un’eventuale grandinata devasti la mia splendida macchina nuova……. A parte questo piccolissimo particolare, amo il modo in cui riescono ad abbassare la temperatura della mia camera da 27.3 a 23.2 nel giro di una ventina di minuti scarsi e a farmi assaporare la copertina sulle spalle.

Molta gente teme questo scatenarsi di acqua, vento, grandine, lampi, fulmini e tuoni, ma una vita passata a fare le vacanze in montagna mi ha letteralmente vaccinata contro lo spettro della paura. Mi piace aprire leggermente le imposte e sentire la pelle d’oca, mentre i lampi illuminano lo skyline di Cesate e la pioggia battente scroscia incazzata.

Capisco questo sfogo di Madre Natura, se potessi ne scatenerei almeno un paio alla settimana….. 😉

L’essenziale è essere attrezzati. Attrezzatissimi. Come minimo infatti va via la luce. Se va bene per qualche istante o una decina di minuti. Se va male possono passare anche delle ore prima che si ripristini la centralina. In questo malaugurato caso (succede sistematicamente) è essenziale avere a portata di mano le candele. No, non l’Iphone con la sua fottutissima lampada o la luce fredda dei normali cellulari (per intenderci quelli che svolgono solo la loro funzione primaria ossia telefonare e messaggiare).

Quando si è sotto attacco temporalesco, l’essenziale è il caldo, flebile, avvolgente chiarore delle candele. In questo momento infatti sono attrezzata con ben 3 candele Ikea di diverso colore, un comodo piattino su cui sono posate e dei fiammiferi, tutto  ciò che serve per affrontare l’emergenza.

Se poi siete davvero degli estimatori di temporali come la sottoscritta, non potete non sapere che altra cosa essenziale è un thè caldo, una cioccolata, una tisana o una camomilla. Che voi preparerete assolutissimamente a lume di candela e poi porterete sul comodino.

A questo punto non vi resta che armarvi di un ottimo libro giallo (consigliatissima la mitica Zia Agatha) oppure di un romanzo d’amore…se invece siete degli inguaribili tecnodipendenti, prendetevi il portatile e godetevi un bel film dell’orrore o una maratona Twin Peaks o, se avete le palle, La notte dei morti viventi.

Quando malauguratamente il temporale sarò terminato, potrete finalmente scivolare sotto la calda e accogliente copertina, soffiare sulle candele e lasciarvi cullare da Morfeo verso meravigliosi, tranquillizzanti sogni.

 Poschina The Storms Lover

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...