Parlare e Camminare . . .

Parlare e camminare contemporaneamente. Molti di voi si chiederanno cosa ci sia di strano, ma io ho appena appurato che è molto più complesso di quant sembri. Da uno studio empirico maturato osservando i miei compagni di pendolarismo, ho potuto teorizzare che le donne, superati i cinquant’anni, perdono la capacità di parlare e camminare contemporaneamente. 

 

Lo avevo notato in mia madre, tanto da costringermi a ripeterle in continuazione “puoi parlare anche camminando“; perchè sì……giuro !!! lei si ferma ogni quattro/ cinque passi rendendo la passeggiata a dir poco snervante. Infatti come potete notare, nella foto le tardone sono sedute. Non so perchè compaia nelle donne questo deficit logopodistico….ma mi terrorizza l’idea di trovarmi tra 25 anni ad essere incapace di compiere due gesti così semplici in contemporanea….Capiamoci…io ora corro e parlo, scrivo e parlo, ascolto la musica e parlo….faccio sesso e parlo. 

Sarà il caso che cominci a stare un po’ zitta?

Un’altra cosa che ho notato con particolare preoccupazione è che le donne che parlano, si fermano, ripartono, si rifermano, parlano e ripartono….ondeggiano. Se gli stai dietro e cerchi di sorpassarle sulla destra, ecco che loro si spostano con movimenti imprevedibili e quasi disumani, verso destra. Lo stesso accade quando cerchi di colglierle in fallo a sinistra….cioè non sono nemmeno più capaci di andare dritte. La cosa è aggravata in modo allarmante se stanno anche fumando.

Le donne tabagiste sono le peggiori. In assoluto. Se poi hanno il tacco 12 è meglio abbatterle con una fucilata perchè la crisi di nervi è dietro l’angolo. 

Degli uomini non parlo semplicemente perchè è noto che loro non sanno fare due cose contemporaneamente a 20 anni quindi a 60 sono da internamento rapido.

Altra categoria di insopportabili sono i gruppi da treno. Risultano intollerabili perchè hanno dai 40 ai 60 anni ma tutti gli atteggiamenti degli adolescenti. Creepy…… Li vedi salire e fiondarsi (per quanto si possa fiondare un sessantenne) per occupare i posti migliori. Il tutto urtando, calpestando, spostando i poveri malcapitati che finiscono sul loro cammino. Se hai la sfiga che ti capitino vicino stai sicuro di dover subire per gli interminabili minuti di viaggio una sequela di imbarazzanti comportamenti adolescenziali, oppure, nel caso siano donne, intollerabili ed esasperanti avventure dei loro figli….che o sono degli scipoerati o sono bambini genio….non so ancora quale categoria mi è vagamente più simpatica.

Hanno come caratteristica quella di voler a tutti i costi chiacchierare nonostante spesso non riescano ad essere agevolati dai posti…quindi continuano ad agitarsi fastidiosamente per tutto il viaggio, saltellando sul sedile, solo per poter spettegolare con il tizio seduto in fondo a destra…..Tutti atteggiamenti che si tollerano a fatica sui quindicenni…figurarsi sull’alter ego dei propri genitori.

D’altronde nessuno ha mai detto che la vita del pendolare sia facile……

Poschina che parla e cammina….cammina e parla….


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...