Gears of war . . .

Prima di tutto vorrei acculturarvi. Da Google Translate: gears = ingranaggi. Che, per inciso, non si pronuncia Ghiars come tutti voi ignorantoni sicuramente fate, bensì Ghears. No, è inutile che vi mettiate a sghignazzare perchè se voi siete ignoranti non è certo colpa mia. Infatti se foste così furbi da ascoltare la meraviglioserrima trasmissione Top Gears in originale, sentireste i conduttori (inglesi e quindi consci di quello che stanno dicendo) pronunciare Ghears a destra e Ghears a sinistra. Quindi, per riassumere, io ho pronunciato per 31 anni Gears in modo sbagliaterrimo. Chiedo venia.

Gears of war è un gioco di guerra. Ingranaggi da guerra, o macchine da guerra, o sa il cazzo da guerra….cmq. un gioco di guerra. Un gioco duro, per uomini duri e in effetti i protagonisti sono delle montagne umane con sternocleidomastoidei enormi, massetteri ipersviluppati e bicipiti a dir poco impressionanti. La storia, in soldoni, è questa. Mostri sotterranei (locuste), sono uscite allo scoperto e dominano la nostra madre terra o un pianeta qualsiasi di una qualsiasi galassia di un qualsiasi universo. La squadra di umani giganteschi e muscolosissimi, che difendono il pianeta è capeggiata da Marcus, che merita un capitolo a parte.

Marcus, come potete notare dall’immagine che ho faticosamente caricato, è un figo pazzesco. Prima di tutto è enorme e per una questione di proporzioni tutto in lui è enorme (e qui voglio un applauso per la finezza con cui ho alluso). Secondo: smadonna in continuazione, si lamenta, urla, è dispotico, comanda chiunque, locuste comprese ed è armato fino ai denti. Ha una bandanina sexyssima e un pistolone enorme (divento sempre più brava). Dice parolacce praticamente sempre, è iperprotettivo con i suoi sottoposti, è dolce e comprensivo e suppongo che sia anche ricco sfondato, considerato che capeggia una squadra di assassini che non fallisce MAI. Ovviamente non fallisce per merito suo….. Ovviamente. Terzo: Marcus riesce, nonostante la sua enormezza (so che non esiste ma rende bene l’idea) ad avere lo sguardo truce e comprensivo allo stesso tempo. Quando Dom ritrova Maria, riesce addirittura ad avere l’aria sofferta. Non preoccupatevi, dura due secondi netti, poi ricomincia a smadonnare.

Marcus è il mito a cui ogni uomo aspira e assolutissimissimamente, il sogno erotico di ogni donna, perchè non dobbiamo fingere, ogni donna vorrebbe essere protetta da un uomo come lui, guardata con quegli occhi di ghiaccio, sgridata con un “che cazzo stai facendo?” con la sua voce profonda e roca. Chi non vorrebbe vederlo rientrare la sera sporco di sangue di locusta, con ancora la pistolona in mano….beh, ovviamente lui non abbandona MAI la postola. Se non è la pistola è una granata, se non è una granata sarà un mitra, lui DEVE avere in mano un’arma. Altrimenti si sente nudo.

Ha una circonferenza torace di almeno 2 metri e mezzo, è alto più o meno due metri, due metri e venti e nonostante ciò è agile come una gazzella, ha la vista di un’aquila e la forza fisica di un troll di caverna, è un brillante stratega e un genio dell’arte della guerra. Non sappiamo nulla del suo passato, o meglio IO non voglio sapere nulla del suo passato. Io voglio vederlo lottare e sudare, sparare e picchiare.E’ orgasmico vederlo giustiziare una locusta, quando si avvicina quatto quatto mentre la stronza striscia e le sfonda il torace con un paio di calci ben piantati. Ragazze !!! Che uomo !!!!

Finita la monografia su Marcus, parliamo di me. Avevo provato un approccio a Gears of war 2 con risultati imbarazzanti. Tipo che avevo capito come aqquattarmi ad un muro ma non riuscivo a mirare. Tempo che localizzavo una locusta, CCNDEN l’aveva già fatta fuori. Anxi, ne aveva già fatte fuori due. Ieri pomeriggio mi sono impegnata, e sono riuscita addirittura ad ucciderne alcune. Dirò di più, alcune le ho fatte a pezzi con la motosega. Ma dirò ancora di più……alcune le ho giustiziate…..e in diversi modi: una l’ho presa a pugni finchè non è morta, un’altra l’ho sfondata di calci e credo di averne fatta fuori una con il calcio del fucile, ma non sono sicura perchè uno stronzo con il lanciafiamme mi ha interrotta. Io e CCNDEN siamo arrivati all’orda n. 19, la venti è stata fatale per circa 10 volte e alla fine ci siamo arresi.

So cosa vi state chiedendo e vi rispondo subito: No. Non ho preso Marcus. Non potevo fargli fare figure di merda. Lui è il Mito. Non può metterci 10 secondi per localizzare e mirare una locusta. Lui non usa il mirino, lui spara, punto e basta. E va a segno. Sempre. Mi sono rifatta con Cole, il negrone a braccia nude. Sono passata da punti 3 a punti 6 in un pomeriggio….che donna…..e mi sono fatta anche il profilo XboxLive…..che superdonna…. credo anche di aver sbloccato l’obbiettivo “Loser”…. ma con orgoglio. 

Però una cosa la devo confessare. a fine serata, abbiamo giocato in modalità tutti contro tutti ed ho dovuto uccidere non uno ma ben due Marcus. E l’ho fatto con gioia. Quando gli ho sfondato la perfetta gabbia toracica a calci, un ghigno di gioia si è affacciato sul mio viso. Io, Cole, ho ucciso Marcus… Bwahahahahhahahahhahahaha….BWAAhahahahahhahahahahhahahha……. mi sono frustata 15 volte per punizione… Non si dovrebbe fare.

Per tirare le somme, è un gioco fantastico. Uccidere, spappolare, ferire, umiliare, smembrare e via dicendo è semplicemente terapeutico. Vedere crollare davanti a te i mannari, le cui interiora ti si appiccicano addosso è eccitante. Direi che Gears ora ha una combattente in più. E se per far parte della squadra, bisogna passare dal letto di Marcus…..beh, mi sacrificherò !!!

Poschina Gear of Marcus

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...