Metallaro, Metazarro e Metavacca.

 
Dovete sapere che sabato sera (31 Maggio 2008), sono stata con amici ad un Tributo al Gods of Metal.
Il tutto si è svolto a Trezzo d’Adda al Live Club.
Ovviamente il posto era frequentato principalmente da metallari e , ancor più, dalle loro derivazioni postmoderne.
Comincio con una descrizione del metallaro tipo.
 
– chiodo
– jeans neri preferibilmente attillati, in alternativa vanno bene anche pantaloni nera ma non troppo larghi.
– t-shirt nera (in alternativa con logo di una band metal, meglio se sconosciuta al grande pubblico)
– capelli lunghi, poco curati, posssibilmente fizzosi*, rigorosamente con la riga in mezzo
– anfibi o stivali neri, al max scarpe da tennis nere
– orpelli vari (colori dominanti: argento – nero)
 
ok, a descriverli così sembrano inquietanti.
In realtà il metallaro è di solito innocuo.
Gira in branco, fuma, si ritrova con amici che condividono la sua passione per il metal, parla un linguaggio di difficile comprensione per i non addetti ai lavori, è arrabbiato e filodepresso, a volte anche molto dolce e sensibile (anche se per scoprirlo bisogna conoscerli e non è affatto facile).
Quelli che ho conosciuto erano sensibili e simpatici, ne ricordo un paio davvero geniali.
Caratteristica del metallaro puro (ormai in via di estinzione) è l’avversione per qualsiasi moda o tendenza.
Per loro il Metal è vita.
La donna metallara è identica all’uomo metal, solo che va aggiunto all’abbigliamento un filo di trucco, a volte la gonna (nera ovviamente), qualche orpello in più.
Bisogna sottolineare che la vera donna metal, in quanto tale, non è una fashion victim e che non comprende le ansie derivate dalla ricerca di essere a tutti i costi alla moda.
 
Negli anni però tutta questa purezza si è irrimediabilmente persa.
Tant’è che abbiamo potuto osservare due tipologie di ibridi:
 
– il metazarro
– la metavacca
 
Il primo è un ragazzo che ama il metal, ma che non ha la stoffa del vero metallaro, si aggira quindi muscoloso e tiratissimo vestito in stile. Ora bisognerebbe spiegargli che si vede a un Km che non è un vero metallaro per diversi e svariati motivi:
 
– le sopracciglia depilate,
– la canotta attillata,
– i jeans blu,
– i capelli curati da ore ed ore di impacchi ai semi di lino,
– lo slang che tende al tamarro,
– e il sorriso perennemente stampato in faccia
 
Non è che il metallaro non sorride, ma il metallaro NON fa il marpione.
 
Peggio del Metazarro è la Metavacca.
Caratterizzata principalmente dall’essere vacca e frequentatrice assidua del Metazzarro crede ceh basti mettersi una mini inguinale nera per essere davvero metal.
Nononononono………non funziona così.
Ma vediamola nel dettaglio.
 
– tette con push-up fasciate da top attillatissimi neri che lasciano poco spazio all’immaginazione
– mini nera inguinale
– scarpa o peggio sandalo con tacco a spillo
– borsettina pseudo-trendy stile finto metal
– capello curatissimo ( anche lei passa ore a fare impacchi ai semi di lino)
– trucco decisamente troppo abbondante e altrettanto eccessivamente curato
 
Ebbene sì, pensano di potersi mimetizzare.
Ma non ci riescono, bastano 2 minuti di osservazione per distinguersi dal metallaro puro, vero, rassicurante.
Si, rassicurante.
Da sicurezza vedere che nonostante siano passati anni ed anni, c’è ancora gente che ci crede e persiste con il suo stile nonostante le mille contaminazioni che ci hanno travolti.
Mi piacciono i loro capelli, il loro anacronismo, la loro ossessione per le t-shirt e le canotte a spalla larga.
Meravigliosi.
 
Il cantante della cover-band dei Metallica (mi sfugge il nome), era con noi dal paninaro.
Mentre si scofanava un panino alla salamella, ha raccontato al paninaro la sua interessantissima vita coniugale:
ha due figli, una di 4 anni e l’altro di due.
Con una naturalezza agghiacciante ha dichiarato :" lo faccio una volta ogni due anni e tutte e due le volte l’ho messa incinta".
A fronte di questa dichiarazione io e Valentina abbiamo deciso di sottoscrivere una colletta per pagargli un corso di educazione sessuale e una fornitura di anticoncezionali, per chi volesse aderire il numero di conto corrente postale è 254879 intestato a : "nostalgico del metal" con causale: corso di ed. sessuale di primo livello.
 
Dal canto nostro, c’è da dire che non abbiamo cercato inutilmente di imitare lo stile metal.
Siamo andati al solito vestiti alla cazzo, la Vale ha addirittura osato il bianco ed è stata guardata con ammirazione per il suo coraggio; io ero più anni ’70 che metal, gli uomini decisamente neutri.
 
Devo fare una richiesta.
Facciamo un referendum per fissare un tetto massimo a 7.20 min per la durata delle canzoni?
Vi prego sostenete la mia battaglia.
 
Poschina Metal power
 
* Fizzoso: capello sottoposto a stress, privo di trattamenti ai semi di lino. Capita sovente che si generi la stessa fizzosità nei periodi di piogge battenti, nonostante estenuanti trattamenti ai semi di lino.
 
 
Annunci

One thought on “Metallaro, Metazarro e Metavacca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...