Piccoli imprevisti……ironici”

 

Premessa:

un amico è finalmente a casa da solo e vorrebbe approfittare della situazione per rilassarsi in pace…..decide allora di farsi una Jolla mentre aspetta che l’acqua della pasta bolla..

Ecco a Voi il suo racconto………………

 

 

"Ben conscio della mia scarsa abillità nel tirar su una Jolla , metto su l’acqua a fuoco medio e

senza coperchio , in modo da avere tutto il tempo di cui ho bisogno per raggiungere il mio obiettivo in tranquillità.

 

Tentativo 1

 

Ore : 20:43

Stato d’animo : Gasato andante ma tranquillo , pieno di speranza.

Fiducia in me stesso : Buona , sono sicuro che posso farcela.

Stato Acqua sul fuoco : Tutto tace.

 

Fasi preliminari.

 

Estraggo una cartina

Preparo il filtro

Scaldo il fumo e me ne sbriciolo un po’ sulla mano

Apro la sigaretta e ne riverso quasi tutto il contenuto nella mano in cui avevo il fumo

Impasto fino a che il tutto diventi omogeneo

 

Svolgimento

 

Dopo queste prime fasi sono sempre più convinto che posso farcela senza grossi problemi…

 

Siamo al dunque , rovescio il ripieno sulla cartina , operazione riuscita senza spargimenti vari (esulto) , stendo per bene il tutto sulla cartina per facilitare il movimento rollatorio , sono pronto ad affrontare la fase per me più critica , faccio un sospirone e vado a cominciare , parto col rollaggio e tutto sembra andare per il meglio , inserisco il filtro ad un’estremità e gli do un’ultima rollatina , è li , pronta per essere chiusa , mi sta fissando , accetto la sfida.

Col pollice destro inserisco un lembo della cartina ed inizio a girare piano , è dentro , non so bene come ho fatto , ma è dentro , con la sinistra comincio ad aiutare il processo di chiusura , è chiusa , manca solo la leccata finale , sto vincendo io , la canna lo sa, ma ormai non può fare più nulla , finalmente le do il colpo di grazia , con una magistrale lappata dal basso verso l’alto la chiudo per sempre.

Davanti a me ho il risultato di 10 minuti di pazienza e fatica , la guarda a 360° , le do un 6- , ma va bene , non mi aspettavo niente di più (come nei temi di italiano) , è un po’ molliccia ma in limiti accettabili , il filtro regge , mi stringo la mano , fingo un orgasmo e mi accendo una sigaretta , ma qualcosa di tragico sta per accadere….è uno dei rari momenti in cui mi sto sopravvalutando , fra 20 minuti capirò che proverbi come “Chi si loda si imbroda” o ancora meglio “Chi troppo vuole nulla stringe” e altri ancora hanno un cazzo di senso..

Sono li , davanti ai miei occhi lucidi ho la cannetta pronta per essere trasformata in cenere e felicità e mi dico , però , con un po’ di impegno posso fare di meglio…la smonto e recupero il prezioso contenuto.

 

 

Tentativo 2

 

Ore : 20:58

Stato d’animo : Ottimista , soddisfatto e con una certezza in più.

Fiducia in me stesso : Ai massimi storici.

Stato Acqua sul fuoco : Prime bollicine sul fondo….ho ancora tempo.

 

Fasi preliminari.

 

Estraggo un’altra cartina

Tutto il resto è pronto.

 

Svolgimento.

 

Ormai do per scontato che in un modo o nell’altro riuscirò a fumare una canna senza l’aiuto di nessuno , mi sto sbagliando , ma ancora non lo so…

Riparto col rollaggio , ma stranamente non riesco a ripetere la performance precedente , non fa niente , fortunatamente sono un tipo che si accontenta , vado per chiudere , ma questa volta il fottutissimo lembo non vuole entrare , come provo a girare esce , ogni fallimento nel cominciare a chiudere ha un unico risultato , far aumentare il nervoso in modo inversamente proporzionale alla mia pazienza (partono le prime raffiche di insulti contro il nulla).

Dopo vari tentativi la cartina diventa inutilizzabile … devo ricominciare ed in me inizia a farsi strada il pensiero che a quel punto potevo già essere allegramente fatto e pronto a divorare in piena fame chimica quei 2 etti di spaghetti col sugo alla soppressata…ritorno alla realtà (bestemmione fotonico).

 

Tentativo 3

 

Ore : 21:07

Stato d’animo : Inferocito , stizzito ed anche se non c’entra niente , affamato.

Fiducia in me stesso : Nello scottex in cui ho accartocciato le due cartine.

Stato Acqua sul fuoco : L’acqua bolle , ma non posso arrendermi , devo ritentare…

 

Fasi preliminari.

 

Estraggo un’altra cartina

Tutto il resto è pronto.

 

Svolgimento.

 

Svogliato e sfiduciato , riverso l’impasto nella cartina con una piccola perdita di tabacco (alzo il dito medio della mano libera) , quando provo a stendere sulla cartina sembra che voglio infilare il dito in un barattolo di nutella , comincio a rollare , ma con una premessa simile si può immaginare il risultato (no comment) , nel frattempo do un occhiata alla pentola , sembra di assistere ad un documentario di Quark in cui si può ammirare un maremoto dovuto a scosse di origine vulcanica , abbasso lo sguardo ed osservo quell’aborto di canna che sta per nascere e ributto un’altra occhiata sulla pentola , almeno in questo frangente credo di aver preso la decisione giusta , faccio su un caramellone ed anche se a malincuore abbandono la missione Joint , sono sconfitto …

Un attimo dopo , capisco di avere perso un occasione frequente come l’allineamento di tutti i pianeti del sistema solare , riesco a perdonarmi dell’opportunità persa solo quando mi trovo davanti il piattone di pasta  fumante , che divoro avidamente , non senza qualche lacrima , che mentendo a me stesso , giustifico accusandomi di aver messo troppo olio piccante nel sugo."

 

 

 

Poschina & Friend

Annunci

3 thoughts on “Piccoli imprevisti……ironici”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...