L’importanza dell’ordine

 
Le donne vengono socialmente valutate in base all’ordine della loro casa.
Non so bene chi sia lo stronzo che ha decretato questo metro di misura, ma è così.
Credo che il tutto risalga a quando la donna non lavorava.
Essendo a casa tutto il giorno, doveva occuparsi di tenerla in ordine, pulirla, abbellirla.
Il fatto che ora la donna lavori non ha assolutamente cambiato il metro di misura.
Che tu sia bella, brutta, stupida o intelligente, l’essenziale è che la tua casa sia ordinata e pulita.
Il resto non ha l’importanza che credevi.
Me ne sono accorta in questi giorni di vita solitaria, senza mammina e paparino che occupano il territorio…..la casa è diventata il MIO territorio.
Mi sono resa conto che tante cose non mi interessano……parlo di ordine….eppure, ora che il territorio è il MIO e quindi sotto la mia diretta responsabilità………ecco….sono diventata diciamo apprensiva riguardo alle condizioni della casa.
Per esempio vado in sbattimento se deve arrivare qualcuno e mi distruggo di fatica per fare ordine.
Cazzo è una cosa orribile.
Sono schiava della casa.
Qualcuno mi curi.
Ho persino incominciato a pensare di cambiare alcuni detersivi che usa mia madre.
Praticamente sto impazzendo.
Quando mi sono accorta della strage imminente, ho riflettuto un po’ ed ho capito il perchè di tanto interesse verso il nido.
E’ il giudizio.
O mglio, l’idea che qualcuno possa valutarmi in base alla condizione della mia casa.
Ho capito la frustrazione delle mamme/ mogli/ conviventi per riuscire con pochissimo tempo a disposizione a tenere la casa ordinata.
Trovo terrificante giudicare una persona dalla sua abitazione, ma SO per certo che le donne lo fanno.
Guardano gli angoli, il retro dei mobili, le fughe delle piastrelle.
E se non vuoi essere etichettata come zozza, devi fare qualcosa.
Ed io mi sono scoperta vittima del sistema.
Preoccupata oltre ogni limite della condizione del pavimento della cucina o dei sanitari in bagno.
Mi sono guardata e rattristata.
L’eccessiva preoccupazione per l’ordine della casa e per il possibile giudizio altrui è in assoluto il primo passo verso la vecchiaia.
Fortunatamente, i miei genitori rientrano tra un paio di settimane e il peso del giudizio sarà sulle spalle di mia madre.
Solo a pensarci mi sento meglio, quasi una sensazione di libertà.
Potrò lasicare la mia camera in completo disordine, fiera del mio ruolo di "figlia".
Per certi versi, la fine delle vacanze mi appare più rosea.
 
Poschina
 
Annunci

2 thoughts on “L’importanza dell’ordine

  1. Poschina,
    sai qual\’è la tragedia in tutto ciò??????? è che NESSUNO ci ringrazia o ci dà la soddisfazione di dirci "mi piace questo ordine". Soprattutto gli uomini, che, dopo che ti sei distrutta la schiena, arrivano in casa in un giorno di pioggia e non si pulisocno le scarpe sull\’apposito zerbino posto fuori dalla porta e possibilmente portano l\’ombrello inzuppato d\’acqua in bagno, nella vasca, e non lo pongono nell\’apposito portaombrelli  posto sul pianerottolo…….è ora di dire: BASTA!!!!!!! 
     
    rosy
     
    ps: si vede che sono un pò incazzosa ultimamente?????

  2.  Ciaoooo!!!!
    Non preoccuparti piccola, se mai dovessi venire io a casa tua puoi lasciare tutto esattamente così com\’è..anche perchè la mia casa/stanza non è proprio quello che si definisce il regno dell\’ordine….ma chi se ne frega!!!!! Se una persona che ti viene a trovare è abbastanza intelligente da apprezzare la tua compagnia senza pensare che magari una spolverata in giro potevi anche darla, meglio così..altrimenti…lascia perdere il giudizio di persone stupide!!!! ( e continua a lasciare la casa in disordine fino a che non torna tua madre!!!!) 🙂
     
    Ciao
    Vally

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...