C…C…C..Changes

 
Buongiorno a tutti.
Sono immobilizzata alla scrivania causa CdA, non posso alzarmi, non posso andare in bagno e nemmeno andare a fare le fotocopie che mi permetterebbero di finire un lavoro….quindi ne approfitto per scrivervi qualcosa.
L’argomento di oggi è: “Quanto cambia il nostro atteggiamento verso una persona a fronte del suo comportamento”.
In breve…..
Ci facciamo un idea precisa delle persone che conosciamo e ci comportiamo di conseguenza.
Quando però, qualcuno a cui siamo legati, si comporta in un modo che non condividiamo, oppure ammette di sostenere un’idea che noi consideriamo aberrante, la nostra considerazione di questa persona cambia.
O quantomeno, io vengo influenzata da queste cose.
Non posso farci niente.
Se una cosa mi da fastidio, o la credo ingiusta…….non riesco proprio a fare finta di niente.
Ci provo.
Lo giuro.
Ma non ci riesco.
Tendo a riconsiderare tutto il mio rapportarmi a quella persona e, inevitabilmente mi trovo ad avere un’opinione diversa, “sminuita” e, quasi sicuramente sarà molto difficile per me “riabilitare” la vecchia e strapositiva considerazione che avevo per il soggetto.
Ok, il problema è mio e solo mio.
Ma non siamo forse anche quello che facciamo?
Le nostre azioni non contribuiscono a fare di noi ciò che siamo?
Il comportamento che assumiamo nei confronti degli altri, non deve necessariamente e obbligatoriamente darci una misura del nostro io?
Sbagliare, commettere un errore, ferire qualcuno, può capitare a tutti.
Ma farlo consapevolmente e non pentirsene, non avere alcun senso di colpa, non provare rimorso e continuare la propria vita come se niente fosse…..non è forse ingiusto?
Il nostri IO deve sentirsi accontentato per renderci felici.
Ma a che prezzo?
C’è un limite?
Quanto è giusto accontentare noi stessi a discapito degli altri?
Ma soprattutto: perché sono l’unica che  si fa questi problemi?
Non dovrei forse fregarmene perché la cosa non è successa a me e non mi riguarda?
Ma noi esseri umani, non ci distinguiamo per l’empatia?
Per la capacità di immedesimarci negli altri?
Vorrei trovare le risposte alle mie domande.
Vorrei essere più menefreghista.
Ma nessuno di questi desideri si avvererà mai.
 
Poschina
 
 
Annunci

4 thoughts on “C…C…C..Changes

  1. Cara poschina,
    premetto che non ho capito la seconda parte, ma perchè in questi giorni sono stordita…….
    Ti posso dire che a me capitava la stessa cosa: le persone mi scadevano se trovavo che compissero un gesto (anche minimo) o dicessero qualcosa (anche 1 parola) abberranti. Mi dicevo: non sarà che sono acida e intollerante? si sa, con l\’età si diventa piu\’ selettivi……Oppure: sono troppo idealista, devo accettare le persone per come sono. Ma ultimamente mi rendo conto che mi capita l\’opposto. Mi spiego. Da quando ho intrapreso la linea del MENEFREGO sto cominciando a tollerare troppo. Accetto tutto e perdono tutto (nei limiti del rispetto della mia dignità, mi illudo, ma in realtà mi sa che sto perdendo anche quella……). Sono troppo buona, mi dicono! è vero. Ma non ci guadagno niente: mi fa schifo usare questi termini del capitalismo sfrenato, quasi cinese, ma danno la fotografia di quello che mi succede. Investo tanto, accetto, perdono, ma non mi torna indietro niente. Ma perchè????? E così soffro lo stesso, perchè le persone mi deludono. Provo a non idealizzarle, ma lo faccio lo stesso; provo a non pretendere che siano diverse, ma in fondo lo voglio; provo a pensarle come realmente sono, ma gli dò la possibilità che cambino, che forse qualcosa di buono c\’è. E sbatto la testa forte, ma così forte che mi passano il sonno e la fame. E non mi dò pace……..Ormai sono sempre piu\’convinta di non saper piu\’ riconoscere le bella dalle persone pericolose (intendo per la mia salute psichica).
    Sono stata abbastanza contorta????
    Ciao Poschina!!!!
    Rosy

  2. cara Rosy….
    il mio post era effettivamente un po\’ confuso in generale….ma quando sono confusa, tutto lo è con me.
    capisco benissimo come ti senti.
    ci provo a non essere così attenta a tutto, ad essere più tollerante….per un po\’ ci riesco anche….ma poi torno ad essere quella che sono….
    cmq.
    ho risolto il mio problema etico dell\’accettazione degli altri, imparando ad astrarre la situazione.
    in fondo sono cavoli loro.
    poi quasi tutti queli a cui ho parlato dei miei dubbi mi hanno detto che non essendo affari miei, devo "sbattermene altamente".
    e così, per ora, sono riuscita a fare.
     
    a presto Rosy…
    Poschina

  3. ciao cara…mia sorella te l\’ha già detto…anche io leggo il tuo blog! non so se ho capito molto il senso del tuo post…ma ti lascio comunque il mio commentino….beh mi immedesimo un sacco nelle tue parole…ho sempre odiato la frase "una persona non si conosce mai fino in fondo"…ecco mi sono dovuta ricredere…mai sopravvalutare le persone…mai pensare: questa persona non ti farà mai del male…sticazzi…più ti comporti bene e più la gente ti ferisce….gratuitamente!! mi fa tanto male pensare di non potermi fidare di nessuno…se stimo una persona do tutta me stessa…e non riesco a non farlo! per cui…che fare? boh…ci penso 24 ore al giorno, ma la soluzione ancora non l\’ho trovata…un bacione poschina…lilly

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...