SG e gli altri


OK.
Cominciamo con il chiarire che un po’ troppi si lamentano della "tristezza" dell’ultimo intervento.
Se non vi piace…..leggetene un altro.
Cmq.
Passiamo all’argomento di oggi.
 
SG.
 
Per 10 intensi mesi, ho lavorato alla Douglas di C.so Venezia 7 – Milano –
Di fianco a noi, c’era il negozio di un’importantissima casa di moda.
Non faccio il nome perchè è di cattivo gusto.
Io e un mio collega, che chiameremo per comodità Marco ( non è il suo vero nome), avevamo dato dei soprannomi ai commessi che lavoravano in quel negozio.
Ci eravamo anche inventati delle assurde storie, puntellate di relazioni a sfondo sessuale assolutamente inesistenti.  
– Deficienti – direte voi….e io vi rispondo :"Provate a stare 11 ore in un buco 7 giorni su 7, poi vediamo se non incominciate a cercare modi alternativi per passare il tempo !!!!".
Cmq.
Io avevo:
 
– un marito,
– un amante,
– un sogno erotico,
– un mito.
 
Mio marito era magazziniere, fumatore, senza una vera identità ( mai saputo il nome).
Il mio amante era Riccardo; carino, giovane, innamorato. Prima di diventare il mio amante era stato nell’ordine:
secondo marito di Silvia;
primo marito di Marco.
Il mio sogno erotico Mario (il black man); fisico statuario, bel sorriso, bel culo…..mai avuto l’onore di servirlo.
E poi, lui.
Il mito.
SG.
Che sta per Super Gay.
Il vero nome non lo so.
So solo che per me e Marco è diventato un mito.
Bello, simpatico e stronzo indistintamente…….a volte non ti cagava di striscio, altre ti offriva panini al salame durante il primo sabato di saldi…..(facendo ingelosire non poco mio marito).
Che se non fosse stato terribilmente gay….avrei pensato ad un’allusione erotica.
Sempre vestito alla moda, trendy senza essere stucchevole, divino ma con umanità, quasi perfetto.
Poi stava lì, seduto sulla sua moto a fumare.
Splendido.
Indimenticabile…
 
Ma non c’erano solo loro.
 
Come dimenticare:
The Lickers,
Il Nano Portatore,
Colei che si faceva leccare le T…e da The Lickers,
L’Arpia (grazie per le borse…..),
Il mostro (quello che hanno messo alla porta….prima figurativamente poi letteralmente),
Il Biondino…
 
E poi Andrea.
Monoespressivo, cattivissimo.
Goldfrap diceva sempre che era il Nazgul più cattivo che avesse mai visto.
Infatti molte anime sono cadute sotto il suo potere e, nonostante cattiveria e monoespressività, si sono innamorate di lui.
 
E tanti altri senza nome e soprannome.
 

 
Del mio passato da Supercommessa, mi mancano tante cose……una di queste sono loro.
I dirimpettai del giardino interno.
I fumatori.
I commessi dalle 100 pause sigaretta.
 

 
Stasera parto per Costa di Groppoducale.
Ci aggiorniamo quando torno…
….se sopravvivo.
 
BUON ANNO NUOVO !!!!!!
 
Poschina

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...